Atalanta
Giovani promesse

Il buono di Atalanta-Salernitana? Zortea e Ruggeri sono cresciuti molto

I due laterali in prestito alla squadra campana si sono ben comportati e, in particolare l'ex Cremonese, si candidano per tornare a Bergamo

Il buono di Atalanta-Salernitana? Zortea e Ruggeri sono cresciuti molto
Atalanta 04 Maggio 2022 ore 09:15

di Fabio Gennari

Nadir Zortea (classe 1999) e Matteo Ruggeri (classe 2002) sono giovani provenienti dal vivaio atalantino che si sono comportati molto bene nella sfida di lunedì tra i nerazzurri e la Salernitana. Entrambi in prestito alla squadra granata con l'Atalanta che ne detiene il pieno controllo, la formula scelta la scorsa estate dai dirigenti orobici prevede un riscatto a favore dei campani con il controriscatto a favore della società nerazzurra. In pratica, come successo per Pessina con il Verona, si tratta di formule che prevedono una sorta di "premio di valorizzazione" in caso di buone prestazioni.

Zortea ha giocato a sinistra dalle parti di Hateboer e si è davvero ben disimpegnato, le presenze in Serie A sono 25 con un gol e due assist per un ragazzo che può giocare da esterno su entrambe le fasce e che è alla sua prima vera stagione nel massimo campionato italiano. Nato a Feltre, provincia di Belluno, il numero 21 della Salernitana è italiano e tra i professionisti nelle ultime tre stagioni (quella attuale e le due precedenti alla Cremonese) ha già totalizzato quasi 80 presenze. A 23 anni da compiere il mese prossimo, la sua candidatura per il futuro è da tenere in grande considerazione.

Oltre a Zortea, nella squadra di Nicola si è molto ben disimpegnato anche il classe 2002 Matteo Ruggeri. Esterno di fascia sinistra, l'altra sera il giovane di San Giovanni Bianco ha giocato da terzo difensore centrale e si è disimpegnato molto bene. Le presenze in campionato sono solo una decina a causa dei tanti problemi muscolari che lo hanno condizionato e per questo, soprattutto se la Salernitana si salvasse, un rinnovo del prestito sarebbe una soluzione interessante per un ragazzo che ha bisogno di fare ancora un po' di gavetta ma che nella rosa dei quattro esterni della Dea del futuro può tranquillamente starci. Come Zortea.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter