Menu
Cerca
Classifica in movimento

Il Torino batte il Parma: i ducali retrocedono in Serie B prima di affrontare la Dea

Dopo il Crotone, scivola in cadetteria anche il Parma. Si tratta di una novità importante in vista della prossima partita del Tardini dei nerazzurri

Il Torino batte il Parma: i ducali retrocedono in Serie B prima di affrontare la Dea
Atalanta 03 Maggio 2021 ore 23:14

di Fabio Gennari

Notizie importanti dal posticipo di Serie A giocato ieri sera (3 maggio) a Torino. I granata di Nicola superano 1-0 il Parma e salgono a 34 punti in classifica, si tratta di un successo importante perché allontana momentaneamente i granata dal terz’ultimo posto, che resta occupato dal Benevento (31). La formazione di Inzaghi domenica prossima se la vedrà con il Cagliari (32 punti) in una gara ad altissima tensione: se i campani dovessero mancare la vittoria, la corsa salvezza si farebbe durissima. Parallelamente, con questo ko i ducali retrocedono matematicamente in Serie B insieme al Crotone.

Ma l’Atalanta, in tutto questo, cosa c’entra? Domenica c’è Parma-Atalanta e chiaramente trovare una squadra appena retrocessa cambia molto lo scenario: non è assolutamente detto che sia più semplice, paradossalmente i pericoli potrebbero aumentare, ma è anche vero che così gli avversari non giocheranno con il coltello tra i denti. E se la Dea vuole accedere alla Champions League, ha l’obbligo di vincere sul campo di una retrocessa.

Anche la sfida tra Benevento e Cagliari va monitorata, perché in caso di sconfitta dei giallorossi (bloccati a 31) il successivo impegno sul campo dell’Atalanta metterebbe in serio pericolo la loro permanenza in A. Se il Benevento perdesse a Bergamo, il Genoa sarebbe quasi aritmeticamente salvo proprio alla vigilia di Genoa-Atalanta. A ben guardare, dunque, le prossime tre partite che coinvolgono i nerazzurri sono tutte legate tra loro e le possibilità per i bergamaschi di far girare tutto a proprio favore è evidente.

Ciò che è certo è che con quattro partite ancora da giocare per le cinque squadre coinvolte nella lotta di vertice diventa quasi impossibile fare tabelle e ipotesi. Di sicuro, se Napoli o Lazio non vincono tutte le partite che mancano (basterebbe anche un pareggio), c’è la possibilità che Atalanta-Milan all’ultima giornata sia inutile. Prima di arrivarci, godiamoci tutte le partite anche contro le “piccole”: fino a quando Benevento e Cagliari restano coinvolti nella lotta sul fondo della classifica, ogni partita diventa pesantissima.