Bella coppia

La crescita di Romero e la conferma di Djimsiti: piano piano la Dea cresce anche dietro

Segali molto importanti sia dal centrale albanese che dal collega sudamericano: la vetrina della Champions non li spaventa affatto

La crescita di Romero e la conferma di Djimsiti: piano piano la Dea cresce anche dietro
28 Ottobre 2020 ore 01:08

di Fabio Gennari

Nella serata in cui Toloi e Sportiello non convincono fino in fondo, l’Atalanta può sorridere per la superlativa prestazione di Berhat Djimsiti e Cristian Romero. Il numero 19 albanese ha sbagliato solo due appoggio in 95′ minuti, conto la velocità di Neres e Antony e al cospetto di quell’armadio di Traoré il difensore della Dea non si è quasi mai scomposto e la sua prestazione conferma che nella zona sinistra della difesa nerazzurra c’è un solo titolare indiscusso: lui.

La nota lieta più sorprendente arriva però da “Cuti” Romero. A parte una ventina di minuti nel secondo tempo in cui lui e Tadic hanno dato vita a un duello d’altri tempi, il numero 17 argentino (classe 1998) è piaciuto tantissimo alla sua seconda apparizione in Champions League, dimostrando anche di avere buone doti tattiche quando grazie ad alcuni posizionamenti si è opposto alle trame dell’Ajax rilanciando pure l’azione in avanti. Una prestazione così, contro avversari di alto livello, lascia davvero ben sperare per il futuro.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia