Menu
Cerca
Progetto serio

La Super Lega affonda, l’Atalanta vola: bilancio 2020 da urlo, con un utile da 51 milioni

Oltre alle gioie del campo, la società nerazzurra riesce a fare cose incredibili anche a livello di gestione: raddoppiati gli utili e raggiunto il quarto fatturato della Serie A

La Super Lega affonda, l’Atalanta vola: bilancio 2020 da urlo, con un utile da 51 milioni
Atalanta 21 Aprile 2021 ore 11:20

di Fabio Gennari

Ci sono i numeri, ancora una volta, a dimostrare come sia quello dell’Atalanta il miglior progetto calcistico italiano per distacco. Nella serata di ieri (20 aprile), mentre il pasticcio della Super Lega volava verso un fallimento tanto repentino quanto grande, sono stati pubblicati i dati relativi al bilancio 2020 dell’Atalanta. Secondo l’analisi di Calcio e Finanza, nonostante la pandemia i nerazzurri hanno ottenuto risultati che definire clamorosi è riduttivo.

I numeri raccontano di un fatturato arrivato a quota 241,9 milioni di euro (+53,9 rispetto ai 188 milioni del 2019) e che mette la società nerazzurra al quarto posto in Italia dietro a Juventus (573 milioni), Inter (372 milioni) e Napoli (274 milioni), davanti al Milan (192 milioni). Praticamente, delle prime cinque squadre italiane solo il Napoli (di poco) fa meglio dei nerazzurri tra quelle che non si sono fiondate a capofitto nel fallimentare progetto della Super Lega.

Il balzo in avanti è ovviamente legato alla partecipazione alla Champions League, i ricavi legati ai proventi televisivi arrivano a 117 milioni contro i 90 del 2019, dove già erano comunque conteggiati una parte dei soldi ricavati dalla disputa della fase a gironi del massimo torneo Uefa. Un’altra voce che è cresciuta in modo importante è legata alle plusvalenze (da 38 milioni a 68 milioni con l’affare Kulusevski a determinare gran parte di questo salto), mentre si sono dimezzati i ricavi da stadio (da 13,5 a 6,7 milioni) proprio a causa della pandemia e nonostante i 2,3 milioni di Atalanta-Valencia.

L’Atalanta tuttavia non pensa solo a incassare: i costi sono lievitati da 147 a 166 milioni rispetto al 2019, il costo del personale è a 74 milioni di euro, con ben 57 milioni di questi legati ai compensi dei calciatori. Nota a mergine: il solo Cristiano Ronaldo pesa sul bilancio della Juventus per 55 milioni di euro. Curioso rilevare anche che per la sfida al Valencia del 19 febbraio siano stati caricati a bilancio 335 mila euro di affitto. Tutto questo porta i conti a un utile di 51 milioni di euro contro i 26 milioni del 2019. Una nuova partecipazione alla Champions non potrà che migliorare ulteriormente una gestione che tutti, in Italia e in Europa, dovrebbero prendere come esempio. Altro che Super Lega….