Attualità
Indagini in corso

Cervo ferito blocca il traffico lungo la Lecco-Bergamo. L'animale è stato soccorso

La povera bestia, sanguinante e spaventata, con un'evidente ferita a una delle zampe posteriori, è stata notata poco dopo le 7.30

Cervo ferito blocca il traffico lungo la Lecco-Bergamo. L'animale è stato soccorso
Attualità Ponte San Pietro e Isola, 03 Agosto 2022 ore 11:48

di Mario Stojanovic

Si sono create lunghe code questa mattina (3 agosto) lungo la Lecco-Bergamo. Come spiegano i colleghi di PrimaLecco, a causarle è stato un cervo (e non un capriolo come inizialmente riferito) ferito rimasto fermo in mezzo alla strada. Al vaglio degli agenti della Polizia provinciale, che sono intervenuti sul posto, la dinamica di quanto accudito. In particolare, gli agenti stanno tentando di capire se l'animale sia stato investito da un mezzo in transito e sia stato abbandonato oppure se, già ferito, si sia trascinato sino alla trafficata strada provinciale.

La povera bestia, sanguinante e spaventata, con un'evidente ferita a una delle zampe posteriori, è stata notata poco dopo le 7.30 di questa mattina a Monte Marenzo, precisamente in località Levata, lungo la strada che collega Calolziocorte a Cisano Bergamasco.

Gli automobilisti in transito hanno immediatamente segnalato la cosa alle autorità. Come da prassi, a Monte Marenzo sono intervenuti gli agenti di Villa Locatelli. La protezione della fauna selvatica autoctona è infatti competenza esclusiva della Provincia e in un anno si stimano oltre 500 richieste di intervento per fauna selvatica in difficoltà.

Gli agenti hanno gestito l’intervento di recupero del cervo per poi affidarlo alle cure di un veterinario. L'animale verrà poi ricoverato in un centro di recupero, dove verrà curato in funzione della sua riabilitazione e reinserito sul territorio.

Le operazioni di soccorso dell'animale ferito hanno necessariamente richiesto la chiusura di una delle due carreggiate e la viabilità è stata gestita a senso unico alternato.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter