Attualità
Fino al 15 aprile 2022

Da lunedì 15 novembre scatta l'obbligo degli pneumatici invernali (o catene a bordo)

Con una nota stampa, la Provincia di Bergamo ricorda a tutti gli automobilisti l'entrata in vigore della regola. Pena, sanzioni salate

Da lunedì 15 novembre scatta l'obbligo degli pneumatici invernali (o catene a bordo)
Attualità 12 Novembre 2021 ore 15:19

Attraverso una nota stampa, nella giornata di oggi (venerdì 12 novembre) la Provincia di Bergamo ricorda a tutti gli automobilisti che a partire da lunedì 15 novembre entra in vigore l'ordinanza (registrata il 20 ottobre 2020) che prevede, fino al prossimo 15 aprile, l'obbligo di circolare sulle strade provinciali con «pneumatici invernali idonei alla circolazione su neve o su ghiaccio, o in alternativa di munirsi a bordo di catene o di altri dispositivi antisdrucciolevoli omologati ed idonei ad essere prontamente utilizzati».

Solamente gli automobilisti che montano sui propri veicoli gomme cosiddette "quattro stagioni" (omologate per l’utilizzo invernale) sono esenti dal cambio gomme invernali. L’operazione è obbligatoria per tutti gli autoveicoli, inclusi Tir e mezzi pesanti. Con le sanzioni non si scherza. Si va da 41 a 168 euro se chi sta commettendo l’infrazione viene fermato mentre circola nei centri abitati e da 84 a 355 euro se l’accertamento avviene al di fuori di essi. Può inoltre essere disposto il fermo del veicolo fino alla messa in regola degli pneumatici.

La motivazione principale del cambio gomme invernale è - come facilmente intuibile - legata alla sicurezza stradale. Con gli pneumatici per l'inverno, infatti, è possibile avere un'aderenza maggiore alla strada a prescindere dal fondo e dalle sue condizioni. Inoltre, garantiscono prestazioni ben più che sufficienti anche a basse temperature, portando quindi a un minor consumo di carburante e di emissioni inquinanti, anche grazie a una minore usura.

Ma che differenza c'è tra gomme estive e invernali? Intanto i tasselli, più spessi in quelle estive perché le invernali montano tasselli sottili per avere una maggiore presa sulla neve. E poi le scanalature, molto diverse su quelle estive (tre longitudinali), più adatte sul bagnato per garantire maggiore aderenza e meno rischi di aquaplaning.