Attualità
«La salute è un diritto di tutti»

Le foto del corteo di cittadini e sindaci per sostenere l'ospedale di San Giovanni Bianco

Gli abitanti della Val Brembana chiedono che vengano garantiti tutti i servizi di cui un presidio ospedaliero di base dovrebbe poter disporre

Le foto del corteo di cittadini e sindaci per sostenere l'ospedale di San Giovanni Bianco
Attualità Val Brembana e Imagna, 07 Agosto 2021 ore 10:55

Striscioni e slogan, per ribadire che la salute «è un diritto anche per chi abita la montagna». Questa mattina, sabato 7 agosto, gli abitanti di San Giovanni Bianco hanno sfilato pacificamente lungo le strade del paese della Val Brembana a sostegno del nosocomio, che negli anni è andato incontro a un progressivo taglio delle prestazioni offerte.

«Rivogliamo il nostro ospedale», si legge scritto a chiare lettere, in stampatello, su diversi striscioni e cartelli mostrati dai cittadini, che chiedono vengano garantiti tutti i servizi di cui un presidio ospedaliero di base dovrebbe poter disporre.

234267385_3998994626877353_4398292722796342839_n
Foto 1 di 9
234421591_3998994420210707_4135002384358087525_n
Foto 2 di 9
234998990_3998994016877414_2490732962360817237_n
Foto 3 di 9
234349455_3998995296877286_4057293219299956128_n
Foto 4 di 9
234459262_3998993063544176_2186339418961515207_n
Foto 5 di 9
231420294_10221122595155276_738227861733932752_n
Foto 6 di 9
232902239_10221122596035298_198652113946629244_n
Foto 7 di 9
232850412_10226943461473786_4264291889541000482_n
Foto 8 di 9
234230130_3998870830223066_1370166276198061087_n
Foto 9 di 9

«Da subito pronto soccorso h24 – è scritto su un altro striscione -. San Giovanni Bianco e la Val Brembana rivogliono tutti i servizi. Non molliamo!». Gli abitanti, riunitisi in un comitato a sostegno della struttura sanitaria, e i sindaci della Valle si sono ritrovati alle 8.30 in piazzale Alpini e da qui sono partiti alla volta dell’ospedale, fermandosi sulla strada e bloccando temporaneamente il traffico.

La richiesta del ripristino dei servizi ospedalieri di base era stata avanzata recentemente, il 26 luglio scorso, anche dai consiglieri regionali Jacopo Scandella (Pd), Dario Violi (M5S) e Niccolò Carretta (Azione).

Fondamentali sarebbero la riapertura del reparto di Pediatria, l’erogazione continua delle attività ambulatoriali dichiarate; il ripristino dell’auto medica a supporto delle ambulanze non medicalizzate, la riapertura del servizio di fisioterapia presso il poliambulatorio di Zogno e la verifica dei tempi di attesa al pronto soccorso.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter