scambio di proprietà

L’ex Maddalena al Tribunale, in cambio il Comune ottiene tre proprietà dello Stato

La permuta ammonta a 2,6 milioni. A Palazzo Frizzoni vanno il Campo di Marte, l'ex sede Arci in via Gorizia e la stazione di San Colombano

L’ex Maddalena al Tribunale, in cambio il Comune ottiene tre proprietà dello Stato
Attualità Bergamo, 21 Luglio 2021 ore 18:15

Scambio di proprietà tra Palazzo Frizzoni e Agenzia del Demanio: l’edificio dell’ex Convento della Maddalena, di proprietà comunale, verrà infatti ceduto al tribunale di Bergamo in cambio di tre proprietà dello Stato, ossia il Campo di Marte in via Grataroli, l’ex sede Arci in via Gorizia e l’ex casello ferroviario a San Colombano.

La permuta di pari valore, per un ammontare di 2,6 milioni di euro, è stata messa nero su bianco nella delibera approvata lunedì (19 luglio) dalla giunta comunale, a coronamento di un lungo dialogo tra Amministrazione e Demanio.

A dicembre del 2017 era stato sottoscritto un protocollo con l’Agenzia e l’Ufficio delle cause penali esterne che riconosceva al Comune la possibilità di utilizzare gli spazi al piano terra di Palazzo della Libertà, condizionandoli alla sistemazione degli spazi nell’ex convento in cui collocare i nuovi uffici dell’Uepe. Nel momento in cui l’Amministrazione aveva avviato la progettazione degli adeguamenti, il tribunale ha però manifestato l’urgenza di poterli utilizzare per proprie necessità.

La nuova intesa è stata raggiunta rivedendo i contenuti dell’accordo siglato a suo tempo, dando così il via al definitivo completamento del polo giudiziario di via Borfuro e via Sant’Alessandro. Un progetto reso possibile anche dalla conferma arrivata dal Ministero di Giustizia del finanziamento di oltre 4 milioni di euro all’interno del Recovery Plan. La sottoscrizione della permuta consentirà quindi al Tribunale di far fronte alla carenza di spazi che da tempo incideva sull’attività giudiziaria.

«Abbiamo cercato insistentemente di dare la migliore risposta alle esigenze del tribunale e, dall’altra, di proseguire nei progetti che ci eravamo prefissati – commenta il sindaco Giorgio Gori -. Il risultato raggiunto è frutto di un lavoro corale di diverse istituzioni che ringrazio per l’unità di intenti dimostrata».

«Ringrazio il Comune per essere stato attento alle esigenze del tribunale - commenta il presidente Cesare De Sapia -. Questa operazione ci consente di ampliare gli spazi a nostra disposizione e trovare sede all'Unep e al Giudice di Pace. Devo un ringraziamento alla Corte d'Appello, che non solo ci ha aiutato a perseguire questo obiettivo, ma che contribuisce anche economicamente all'operazione di ampliamento all'ex Maddalena».

Il destino delle nuove proprietà comunali

L’acquisizione di Campo di Marte per il Comune rappresenta un tassello fondamentale per l’intera riqualificazione delle piscine comunali e, più in generale, dell’intero quartiere di Santa Lucia dopo l’ormai imminente completamento della riqualificazione degli ex Ospedali Riuniti e la cessione all’Università, della sede dell’Accademia della Guardia di Finanzia.

L’ex casello di San Colombano potrà rientrare invece nel più generale progetto della T2, la nuova tranvia della valle Brembana, mentre l’edificio di via Gorizia potrà trovare un suo futuro, a vantaggio di tutto il quartiere della Grumellina, dopo la chiusura del bar e della sede Arci.

«Le condizioni dell’ex Maddalena, abbandonata da anni, avrebbero imposto all’Amministrazione investimenti oggi difficilmente sostenibili – conclude l’assessore alla Rigenerazione urbana Francesco Valesini -. La permuta oltre a dare una risposta a servizi pubblici, consente di trovare le risorse necessarie per la sua sistemazione e intraprendere un percorso di valorizzazione delle proprietà cedute al nostro patrimonio atteso da diverso tempo».