Attualità
Rinvio

L'Università e la Montelungo: il nuovo rettore rinvia la decisione d'acquisto e slitta il cantiere

Sergio Cavalieri non si presenta al tavolo con Comune, Regione e Cdp e demanda la decisione al Cda dell'Ateneo, che si riunirà tra qualche settimana

L'Università e la Montelungo: il nuovo rettore rinvia la decisione d'acquisto e slitta il cantiere
Attualità Bergamo, 29 Novembre 2021 ore 11:42

Le aspettative, riguardo l'ex caserma di Montelungo, comprendevano l'assegnazione dell'appalto e la preparazione del cantiere già per dicembre. Tuttavia, nel corso del tavolo svoltosi lo scorso 23 novembre, in cui si sarebbe dato il via libera per l'operazione dopo la conferma d'acquisto dell'Ateneo, il neo rettore Sergio Cavalieri non si è presentato, facendo quindi slittare il tutto, secondo le stime del Comune di Bergamo, almeno di un altro mese e mezzo.

La vicenda è riportata dal Corriere Bergamo: il Collegio di vigilanza, riunitosi in quella data e che coinvolgeva i quattro soggetti interessati dall'Accordo di programma, ovvero Comune di Bergamo, Regione Lombardia, Cassa Depositi e Prestiti (proprietaria dell'immobile) e Unibg, che è anche capofila nella realizzazione del futuro spazio per gli studenti, avrebbe dovuto emanare la delibera che Cdp avrebbe presentato oggi, lunedì 29 novembre, al suo cda per poi chiudere le pratiche necessarie ad avviare il cantiere.

Da Palazzo Frizzoni però si è tenuto a precisare che la realizzazione dell'opera non è in discussione: Cavalieri avrebbe semplicemente preferito rimandare il tutto per sottoporre la decisione d'acquisto al cda dell'Ateneo, che si terrà tra qualche settimana: una volta ultimata l'area, quest'ultimo la acquisterà per 32 milioni di euro più spese aggiuntive legate anche alle tasse, di cui 15 milioni forniti dal Pirellone. Per eventuali costi extra, i fondi regionali e il patrimonio netto vincolato allo scopo, di poco più di 23 milioni e 300mila euro, risulta sufficiente e quindi il posticipo non sarebbe dovuto a un ripensamento per mancanza di copertura finanziaria. Ciò significa che l'iter burocratico sarà chiuso a fine dicembre o nel mese di gennaio, comportando perciò uno spostamento in avanti della data di inizio lavori.