Attualità
Ultradecennale

Orio, l'aeroporto è ripartito bene (ma anche le proteste contro il rumore)

C'è stata una ripresa del traffico aereo, ma i cittadini dei comuni vicini si lamentano: «Totale anarchia delle rotte»

Orio, l'aeroporto è ripartito bene (ma anche le proteste contro il rumore)
Attualità 06 Gennaio 2022 ore 12:43

Numeri molto positivi per l'aeroporto di Orio al Serio, che nelle ultime settimane del 2021 ha registrato una definitiva ripresa del suo traffico aereo. Giovanni Sanga, presidente di Sacbo, qualche giorno fa ha infatti dichiarato che quello di Milanè lo scalo italiano con il miglior tasso di crescita, ad eccezione di Torino che è diventato base Ryanair, mentre il Caravaggio si conferma comunque il terzo d'Italia.

Secondo quanto riportato dal Corriere Bergamo, però, insieme ai voli sono riprese anche le proteste dei cittadini delle zone vicine: «Nessuno ha notato aerei meno rumorosi, anzi si sono sentiti aerei molto più impattanti perché la cosa a cui invece abbiamo assistito con sgomento è la totale anarchia nelle rotte, le più disparate a ventaglio da sudovest a nord-ovest – ha spiegato Gianluigi Mologni, uno dei nomi più noti tra i comitati contro i rumori e il consumo di suolo dell'aeroporto -. Questo alla faccia della tanto sbandierata volontà di tutelare i centri abitati e ridurre l’impatto ambientale su cui hanno discettato per anni. Ma ancor più assurda ci pare questa situazione se si considera che da più parti è stato segnalato il crollo del turismo estero a causa del Covid».

In attesa di eventuali chiarimenti da parte della società, che nel frattempo non commenta, si deve comunque tener conto della possibilità che i voli diminuiscano, dato che la crescita dei contagi sta interessando purtroppo anche il personale delle compagnie aeree. Inoltre, il presidente Sanga ha spiegato che in primavera ed estate proseguirà il rinnovamento delle flotte, con nuovi velivoli che diminuiranno il rumore del 40 per cento e le emissioni di anidride carbonica del 20 per cento.