L'ok della gIUNTA

Parco della Crotta, Città Alta ancora più viva grazie all'impegno dell'associazione Maite

Il progetto prevede la possibilità di somministrazione di cibi e bevande, mantenendo i giochi e gli spazi fruibili ai bambini e alle famiglie

Parco della Crotta, Città Alta ancora più viva grazie all'impegno dell'associazione Maite
Attualità Bergamo, 16 Giugno 2021 ore 17:10

Il progetto del Comune di Bergamo per la ripartenza delle attività nell'estate in città continua: nella seduta di giovedì 10 giugno, la Giunta ha approvato la delibera che dà il via libera al recupero del Parco della Crotta grazie a una proposta di gestione da parte dell’Associazione Maite.

Il progetto prevede la possibilità di somministrazione di cibi e bevande, mantenendo i giochi e gli spazi fruibili ai bambini e alle famiglie del quartiere. Saranno realizzate attività di intrattenimento e una serie di incontri culturali aperti al pubblico, finalizzati a valorizzare il parco quale area di incontro. La collaborazione con l'Associazione Maite durerà fino al 31 ottobre.

L'ente è capofila di una cordata di associazioni che partecipano alla rete socio-educativa di Città Alta (soggetto che aggrega oratorio del Seminarino, Progetto Pon-TE Housing First, Rosa Agrestis, TeatroSI, Progetto Senzacca, Cooperativa Il Quartiere, Lorto – e Rete Sociale - in particolare Associazione Città Alta e Colli, Palazzo Terzi Onlus).

Nell'organizzazione delle attività sono previsti anche gli inserimenti lavorativi di persone con disabilità grazie alla collaborazione con Progetto Senzacca, che da tempo si occupa di favorire la loro integrazione nel territorio; si realizzeranno poi interventi di piccola manutenzione dell’area, dei giochi e degli impianti di illuminazione con la collaborazione degli uffici comunali competenti.

Saranno inoltre riaperti i servizi igienici nel passaggio della Torre di Adalberto, chiusi da alcune settimane dopo il Covid e la scadenza della gestione precedente. Dall'1 luglio i bagni pubblici riprendono la propria attività grazie alla collaborazione con l’Opera Bonomelli: l’apertura sarà prolungata alle ore serali grazie proprio all’accordo tra Comune di Bergamo e Associazione Maite.