i numeri della campagna

Vaccini, indietro la fascia 12-15 anni. Gori: «Genitori, fate vaccinare i vostri figli»

Il basso tasso di adesione rischia di compromettere il ritorno totale a scuola in sicurezza. L'appello del sindaco

Vaccini, indietro la fascia 12-15 anni. Gori: «Genitori, fate vaccinare i vostri figli»
Attualità Bergamo, 02 Luglio 2021 ore 10:32

In provincia di Bergamo la campagna vaccinale procede bene, molto bene, visto che ieri (giovedì 1 luglio) si è arrivati a quota 1.060.131 dosi somministrate. I vaccini validati, inoltre, secondo un’analisi svolta dalla direzione generale Welfare di Regione Lombardia, coprono efficacemente da tutte le varianti.

Ma in prospettiva c’è un dato che alimenta qualche preoccupazione nella Bergamasca: il basso tasso di adesione nella fascia 12-15 anni e, in proporzione ridotta, tra i ragazzi dai 16 ai 19 anni rischia di compromettere il ritorno a scuola in sicurezza a settembre.

L’obiettivo è quello di riuscire a garantire il rientro in aula in presenza di tutti gli alunni, come confermato ieri nella sede dell’Ats dal prefetto Enrico Ricci, ma dalla Provincia evidenziano anche come non ci siano elementi per sbilanciarsi e pensare a un ritorno alla situazione pre-Covid nel breve periodo.

In particolare, nella fascia 12-15 anni, è stato vaccinato con una sola dose il 9% dei potenziali beneficiari, nessuno ha ancora ricevuto il richiamo e il 21% ha prenotato la vaccinazione. Vero è che questa categoria è stata l’ultima a poter accedere alle prenotazioni, ma è altrettanto vero che il 70% dei più giovani non ha neanche fissato un appuntamento nei centri vaccinali e, considerando l’età, è probabile che ciò dipenda dalla riluttanza dei genitori.

«Sono valori bassi – ha sottolineato su Twitter il sindaco Giorgio Gori -. Se vogliamo proteggere i ragazzi e far ripartire la scuola al 100% in presenza è necessario che crescano. Genitori, fate vaccinare i vostri figli!».

La percentuale di astensione totale, fortunatamente, crolla tra i 16 e i 19 anni: il 20% della platea non ha ancora prenotato il vaccino. Tuttavia, solo il 4% ha completato il ciclo vaccinale, il 22% ha ricevuto la prima dose e il 54% dei giovani prenotati è in attesa di essere vaccinato.