Novità

Visite per ex malati oncologici, all'ospedale Papa Giovanni si prova una terza via

Ai totem delle Torri del Papa Giovanni è stato introdotto il tasto “Programmazione postambulatoriale”, anche per dare una corsia preferenziale a chi ha avuto un cancro

Visite per ex malati oncologici, all'ospedale Papa Giovanni si prova una terza via
Pubblicato:

di Paolo Aresi

Il tasto Priamo all’altezza della torre dei malati oncologici dell’ospedale Papa Giovanni non c’è più ormai da qualche tempo: per i pazienti si tratta di un servizio provvidenziale che è venuto a mancare. Diverse segnalazioni sono arrivate anche al nostro giornale, diverse lamentele perché il Priamo era un servizio che funzionava davvero bene.

Di che cosa si trattava? Era un semplice tasto blu che si trovava nel totem per le prenotazioni delle visite e che valeva soltanto per i malati oncologici. Dal totem usciva un biglietto con un numero e si poteva così accedere a uno sportello del Cup, Centro unico di prenotazione.

Il punto forte del Priamo era lo sportello dedicato, che cioè riguardava soltanto i malati oncologici, ed era gestito da un’impiegata amministrativa, estremamente solerte.

Il risultato era che i pazienti avevano un punto di riferimento preciso dove riuscivano in modo tempestivo a fissare visite, controlli, esami. Dopo due anni di esercizio, Priamo è stato messo in pensione.

Il pulsante blu

Perché? La ragione è semplice: il servizio era sostenuto e finanziato dall’Associazione oncologica bergamasca, Aob, un’associazione di volontariato molto attiva al Papa Giovanni (ha fornito alla unità operativa di oncologia un forte appoggio, donando anche preziosi strumenti diagnostici).

L’associazione aveva deciso di avviare questo percorso facilitato per le persone sofferenti di malattie neoplastiche dopo l’epidemia di Covid, che in ospedale aveva causato un disastro: le attività avevano rallentato, le liste d’attesa si erano moltiplicate. I malati oncologici avevano bisogno di una corsia preferenziale. Dopo due anni di attività, Aob ha tuttavia deciso di chiudere il servizio considerando che l’emergenza Covid si può ormai definire conclusa.

Anche perché la Regione aveva nel frattempo istituito il servizio indicato dall’acronimo “Profumo” (progetto follow up malato oncologico). Profumo andava a sovrapporsi, a livello regionale, al Priamo, che riguardava soltanto l’ospedale di Bergamo.

Lo scopo era del tutto simile a quello del servizio organizzato dai volontari, ma con una differenza (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 4 luglio, o in edizione digitale QUI

Commenti
ISABELLA LANFRANCHI

Io sono paziente oncologica da due anni e mezzo. Priamo era un aiuto per prenotare e basta....non c'è nessuna corsia preferenziale per noi... infatti ad oggi non trovo un posto per ecografia e mammografia insieme per il 2025, assurdo

Hilaria lentini

Io mi trovo nel 2010 un cancro al seno,e dopo 7 anni anche mia figlia,che già aveva avuto carcinoma tiroideo. Dopo il periodo foll-app x controlli annuali è stata una gara impari x mammografie e ecografie,non parliamo di esami tutti connessi all oncologia. Spero che questa nuova situazione ci venga incontro

Massimo Fattori

Mi chiedo: visto lo sfascio della sanità lombarda, sembra evidente agli occhi di tutti, com'è che in regione i politici sono sempre di quel colore??

Wasted time

Ringraziamo Formigoni e la sua cricca: hanno portato il sistema sanitario allo sfascio totale. Il msg è chiaro. Se hai i soldi ti curi altrimenti crepi. Grazie Celeste

Ernesto

Io sono in cura da un anno al Papa Giovanni per un melanoma e diversamente dal controllo precedente ho dovuto prenotarmi la successiva visita di controllo semestrale. Il problema è che non riesco a prenotate la tac e l' ecografia in tempo utile per la visita. Un sistema che francamente non tutela i diritti e la salute dei cittadini.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali