Bassa

Anziana e nipote rapinate (e minacciate) in villa, in pieno giorno, a Calvenzano

I carabinieri indagano per risalire ai responsabili del colpo di giovedì 27 giugno

Anziana e nipote rapinate (e minacciate) in villa, in pieno giorno, a Calvenzano
Pubblicato:
Aggiornato:

Brutta avventura, giovedì scorso, per un'anziana signora di Calvenzano e la sua giovane nipote passando un pomeriggio di relax sotto il portico della villa di famiglia, quando sono state aggredite, minacciate e rapinate da due rapinatori che poi se ne sono andati con poco denaro e alcuni ori di famiglia.

L'incubo è avvenuto verso le 19 di giovedì in una villa di via Casirate, una tranquilla zona residenziale a ovest del paese. Le due donne sono state raggiunge da due uomini, che - stando a quanto emerso sinora, le indagini sono ancora in corso - sono riusciti a introdursi all'interno della proprietà, forse utilizzando una delle consolidate tecniche di truffa utilizzate da molti "professionisti" criminali.

Una volta all'interno, hanno tirato subito fuori le armi. Sotto la minaccia di un grosso coltello, le due sono state costrette ad entrare in casa e mentre uno dei due le teneva sotto tiro, l'altro ha cominciato a rovistare per la casa alla ricerca di contanti e di gioielli. Magro il bottino, tanto più che le stesse donne - intimate di rivelare dove si trovassero gli ori - hanno detto di non averne più, anche a causa di altri furti subiti in passato. Non contenti, stando a quanto emerso i due si sono fatti consegnare persino un anello che una delle due donne aveva al dito.

Poi, probabilmente disturbati dall'arrivo di un giardiniere che avrebbe dovuto prendere servizio in casa, sono fuggiti dal retro dell'abitazione, attraverso il giardino, e sono scomparsi nel nulla lasciando le due donne terrorizzate.

Fortunatamente, per nessuna delle due è stato necessario l'intervento del 118, nonostante il forte spavento. Immediato l'allarme ai carabinieri, che hanno subito mandato sul posto una pattuglia. Sentite le due vittime, i militari della Compagnia di Treviglio stanno ora seguendo diverse piste d'indagine, per risalire ai responsabili della rapina.

Commenti
Cristina Piazzalunga

Tutti bravi a parlare, ma di fare, 0!

Silvia Casanova

Concordo appieno con Gianluigi, e poi se x caso gli metti una mano addosso ti prendi una denuncia... Non se ne può più, lasciamoli tutti a casa loro, ma con certi politici e politiche non andremo molto lontano, anzi, di male in peggio

gianluigi

Sempre peggio, in questo paese ( italia ) Troppa gente che non fa nulla, che non lavora, che vive di espedienti. E purtroppo, gli espedienti, sono molto spesso, delinquenziali. E le istituzioni??????????????

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali