un film già visto a maggio

Corsarola invasa dalle persone, esodo nelle seconde case in Valle. C’è preoccupazione

Gli appelli a limitare la socialità paiono essere caduti nel vuoto. Via Colleoni ieri (domenica 1 novembre) è stata nuovamente presa d'assalto dai turisti

Corsarola invasa dalle persone, esodo nelle seconde case in Valle. C’è preoccupazione
Bergamo, 02 Novembre 2020 ore 09:31

Foto in apertura d’archivio

La Corsarola invasa dalla gente, per forza di cose non distanziata, senza alcuna regolamentazione dei flussi è un film già visto a Bergamo. Era il 17 maggio, la vigilia dell’inizio della fase 2-bis e di ulteriori limitazioni. Ieri, domenica 1 novembre, mentre Governo e Regioni discutono di ulteriori limitazioni e lanciano appelli a limitare la socialità, in Città Alta si è nuovamente riversata un’ondata di persone. La sensazione, guardandosi intorno, è che ieri pomeriggio si sia colta l’occasione per vivere l’ultima domenica di svago prima del nuovo Dpcm.

Complice la bella giornata di sole e le temperature miti il fine settimana di Ognissanti ha spinto turisti, escursionisti e bergamaschi anche nelle Valli; toccata e fuga a parte, in molti hanno trovato appoggio negli appartamenti e nelle seconde case. Un piccolo esodo che ha destato qualche preoccupazione nei sindaci della Val Seriana e Brembana, allarmati che la fuga dalle grandi città e, in particolare, dall’area metropolitana di Milano possa disperdere i contagi in una zona dove, al momento, i numeri pur essendo in aumento paiono sotto controllo. Anche perché se già nei centri urbani i medici di base iniziano a scarseggiare, la mancanza di dottori nelle Valli in caso di emergenza sanitaria rappresenterebbe un’ulteriore criticità.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia