A regime saranno 44 linee

Da questa mattina via alle vaccinazioni anche al Cus di Dalmine

Fornitura di vaccini permettendo questo hub, insieme a quelli di Spirano, Antegnate e Treviglio permetterà di raggiungere l'immunità di gregge per la Bassa

Da questa mattina via alle vaccinazioni anche al Cus di Dalmine
Cronaca 15 Marzo 2021 ore 11:13

Ha aperto oggi, lunedì, alle 8.30, il centro vaccinale del centro universitario sportivo di Dalmine. Sarà il più grande della pianura bergamasca, e sarà gestito, come gli hub di Spirano, Treviglio Fiera ed Antegnate, dalla Asst Bergamo ovest di Treviglio.

Vaccinazioni al Cus di Dalmine

Sono 4 al momento le linee vaccinali attive, ma a regime arriveranno a 44. In totale si riuscirà quindi a immunizzare, a Dalmine,  4500 persone al giorno, tra le 100 e le 120 per ogni linea. All’inaugurazione, questa mattina, hanno partecipato il direttore generale Peter Assembergs, l’assessore regionale Claudia Terzi (dalminese), il rettore dell’Università di Bergamo Remo Pellegrini Morzenti, il sindaco di Dalmine Francesco Bramani e il presidente di Habilita Roberto Rusconi.

Immunità di gregge in estate (forniture permettendo)

5 foto Sfoglia la gallery

Anche la sanità privata bergamasca sarà infatti coinvolta, a regime, per garantire la “potenza di fuoco” degli hub dell’Asst trevigliese. Non solo: anche a medici di base e odontoiatri saranno affidate alcune linee vaccinali. Quando? La speranza è che già da aprile si possa contare su forniture massive di dosi dalla centrale di smistamento nazionale a Pratica di Mare. A quel punto saranno complessivamente 85 le linee attive nella pianura bergamasca e, se tutto andrà bene, si arriverà a somministrare almeno una dose a 350mila cittadini. Arrivando, già questa estate, vicini all’immunità di gregge.

Mara, la prima vaccinata

È Mara Deponte, 37 anni, la prima vaccinata nell’hub di Dalmine. Mara, affetta da sindrome di Down, è la prima appartenente alla cosiddetta “categoria dei fragili” a ottenere il vaccino sul territorio.