In TV

Gallera nega errori sull’ospedale di Alzano: «Il 23 febbraio fatto tutto quello che c’era da fare»

L'assessore regionale al Welfare nega gravi errori nella struttura della Val Seriana, a dispetto di testimonianze arrivate da più parti

Gallera nega errori sull’ospedale di Alzano: «Il 23 febbraio fatto tutto quello che c’era da fare»
Val Seriana, 05 Aprile 2020 ore 23:00

di Giambattista Gherardi

Puntata intensa domenica 5 aprile per Non è l’arena, la trasmissione condotta su La7 da Massimo Giletti. Dopo l’iniziale intervista al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, l’attenzione si è concentrata sugli scenari delle ultime settimane in Lombardia, che vanta il triste primato di epicentro mondiale della pandemia di Coronavirus. Oltre ai giornalisti Alessandro Sallusti, Peter Gomez (collegati) e Luca Telese (in studio), sono intervenuti in collegamento Giulio Gallera, assessore al Welfare dei Regione Lombardia, e la giornalista bergamasca di Valseriana News, Gessica Costanzo.

Inevitabile il focus sulla Val Seriana e sul caso dell’ospedale di Alzano Lombardo, che come più volte ricordato nella giornata di domenica 23 febbraio ha prima chiuso e poi riaperto Pronto soccorso e reparti di degenza, dopo la positività al virus rilevata in un paziente al Pronto soccorso e in un altro, ricoverato da più di una settimana, nel reparto di Medicina. Quella di domenica 23 febbraio resta una data cruciale: il giorno in cui la mancata applicazione di protocolli di sicurezza (scattati per esempio due giorni prima a Codogno) ha consentito all’epidemia di diffondersi incontrollata in tutta la Valle, con particolare concentrazione ad Alzano Lombardo, Nembro e Albino. Località che, ha evidenziato un servizio de Non è l’arena, collegate della tramvia che ad Alzano ha due fermate, a Nembro ne ha ben tre e ad Albino ha il capolinea.

A precisa domanda del conduttore, che si è detto «a dir poco perplesso rispetto al caso Val Seriana», l’assessore Gallera ha dichiarato che «ad Alzano l’ospedale è stato chiuso per un paio d’ore, durante le quali gli ambienti sono stati sanificati e sono stati fatti i tamponi al personale e alle persone che avevano avuto contatti con la struttura». Una versione che contrasta con le tante testimonianze emerse in quelle ore e nelle settimane successive. Inoltre, come ha sottolineato Gessica Costanzo, non risultano risposte ufficiali sul tema da parte della direzione dell’ospedale e dell’Azienda Sanitaria di riferimento. Incalzato dalle domande dei giornalisti, Gallera ha sottolineato snocciolando il progredire delle cifre di contagiati e defunti che «si è trattato di un onda enorme, rispetto alla quale non potevamo fare di più, ben diversa di quella arrivata in Veneto ed Emilia Romagna».

Restano i dubbi riguardo a quanto effettivamente avvenuto quel 23 febbraio ad Alzano. A una manciata di chilometri si sospendeva per sicurezza Atalanta-Sassuolo di Serie A. Qui si è davvero fatto tutto il possibile per evitare la triste conta di queste settimane?

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia