Brave anche le Giovanissime

I Giovanissimi campioni in Lituania L'Under 16 riprende a correre

I Giovanissimi campioni in Lituania L'Under 16 riprende a correre
Cronaca 31 Ottobre 2017 ore 10:05
[I Giovanissimi nerazzurri campioni alla Ateitis Cup in Lituania, foto Atalanta.it]

 

Archiviato il successo della Primavera di Massimo Brambilla che nell’anticipo di venerdì è riuscita ad asfaltare i pari età della Roma con una vittoria per 7-1 in trasferta, il weekend è proseguito con una sconfitta, tre vittorie e un pareggio per il vivaio nerazzurro. Bilancio positivo ma che non rispetta le previsioni della vigilia.

Il risultato che fa più rumore è senza dubbio quello che matura al Centro Sportivo Bortolotti sabato pomeriggio. La formazione Berretti, scesa sul terreno di gioco di Zingonia per affrontare la FeralpiSalò, ha approcciato la gara in modo completamente sbagliato e ha subito due reti che hanno compromesso le sorti del match già nei primi quarantacinque minuti. I ragazzi di Stefano Lorenzi nella ripresa sono tornati in partita con la doppietta di Matteo Pedrini, che però non è bastata per domare i Leoni del Garda. Al 19esimo l’episodio che cambia la storia della sfida è l’espulsione di Federico Capanna e da qui in poi i nerazzurri sono costretti a rincorrere. I bresciani, allenati da Damiano Zenoni, colpiscono ancora e chiudono definitivamente i giochi a cinque dalla fine sul 3-5. Prestazione sottotono di tutta la squadra e anche del portiere Matevz Vidvsek, colpevole e poco reattivo sui tiri degli avversari. Il tecnico di Calcinate ha schierato i giocatori meno impiegati dalla Primavera e probabilmente il viaggio di ritorno da Roma ha pesato nella mente dei calciatori. Curioso notare che tra le cinque marcature messe a segno dagli ospiti c’è la doppietta di Leonardo Moraschi, centravanti che ha giocato tra le file dell’Atalanta e attualmente in forza alla FeralpiSalò. Applausi per i verdeblu, che con questa vittoria scavalcano gli orobici in classifica e tengono il passo dell’Inter capolista.

 

[La formazione Under 16 che ha battuto il Brescia, foto Atalanta.it]

 

Come da programma, ancora a riposo l’Under 17, che ha osservato il Cesena rallentare in casa contro un ottimo Bologna in grado di fermare anche la corazzata di Giovanni Bosi qualche giornata fa. I giocatori classe 2001 nerazzurri sono stati costretti allo stop dai tanti impegni dei ragazzi con le rispettive nazionali. Riprende la marcia dell’Under 16, che dopo il pareggio dell’ultima giornata contro il Cagliari torna al successo perentorio nel derby lombardo con le Rondinelle. Partita senza storia, in cui il migliore in campo risulta Filigheddu, quella andata in scena domenica pomeriggio a Zingonia. I padroni di casa sbloccano il punteggio a metà del primo tempo grazie a Bikash Meraglia, che era entrato bene in partita anche contro i sardi e questa volta viene schierato dall’inizio. Raddoppia l’ariete Antonio Reda al minuto ventisette e abbassa la saracinesca Federico Gennari allo scadere firmando il tris. Lazio e Inter, rispettivamente prima e seconda in campionato, non ne vogliono però sapere di cadere e continuano a vincere, lasciando l’Atalanta a tre lunghezze.

La truppa Under 15 di Andrea Di Cintio, invece, non riesce più a vincere e pareggia la seconda partita di fila dopo aver inanellato una serie di cinque vittorie consecutive. Domenica mattina il primo atto del derby con i bresciani termina in parità. Sfida più difficile del previsto, con gli ospiti che si dispongono in campo con un difensivo 4-5-1 sfruttando la velocità degli esterni in ripartenza. L’Atalanta segna il gol del vantaggio a due minuti dal fischio dell’intervallo grazie alla bella conclusione dal limite del terzino sinistro Giovanni Bonfanti. Nella ripresa, però, Toccafondi atterra un attaccante e il fallo da ultimo uomo gli costa il cartellino rosso e il calcio di rigore; si incarica della battuta Stefano Caruso che stampa la palla sul palo e fallisce il pareggio. Appuntamento che non perde invece Alessio Castellini, bravo a battere Elia Rodegari e pescare l’angolino giusto con una punizione da fuori area. Da segnalare la settima vittoria di fila dell’Inter che vola a più quattro sull’Atalanta.

 

[Un'immagina del match contro la Cremonese dei Giovanissimi fascia B, foto Atalanta.it]

 

Grandi soddisfazioni per i Giovanissimi classe 2004 che alzano la Coppa Ateitis facendo un percorso netto con zero gol subiti. Vincono anche i Giovanissimi fascia B con un poker contro la Cremonese. Reti firmate da Daniele Orlando che realizza una doppietta, Esayas Mattiello e Tommaso Barbisoni. Tre punti e vittoria per 2-4 per le Giovanissime Regionali a Como con le marcature di Veronica e Gaia Bianchi, Giulia Baruffaldi e Greta Ghilardi.