L'operazione

I controlli anti baby-gang nella Bassa hanno portato ormai all'identificazione di 10mila giovani

Gli interventi sul territorio di Treviglio e hinterland hanno permesso anche di fermare un rapinatore 15enne. Fuggito il complice

I controlli anti baby-gang nella Bassa hanno portato ormai all'identificazione di 10mila giovani
Pubblicato:
Aggiornato:

Altri controlli dei carabinieri di Treviglio per contrastare il fenomeno delle baby-gang in città e nell'hinterland, con operazioni che hanno coinvolto, come ormai di consuetudine, una cinquantina di comuni della Bassa.

Nella settimana da martedì 11 a lunedì 17 giugno, i militari dell'Arma hanno controllato altri mille giovani circa, di cui cento tra la sera di sabato e le prime ore di domenica nella cittadina nel centro storico, alla stazione e in altre aree ritenute sensibili. Ormai, contando anche quelli dell'ultimo periodo, si è arrivati a circa diecimila ragazzi identificati nella zona, con ancora diversi soggetti segnalati come assuntori di sostanze stupefacenti.

Fermato giovane rapinatore

Gli interventi sul territorio hanno anche permesso di fermare il giovane rapinatore della serata dell'11 giugno scorso. Aveva tentato insieme a un complice - fuggito e per il momento non ancora trovato -, il volto coperto da un passamontagna, di farsi consegnare soldi e bibite da un gruppo di tre adolescenti in via De Gasperi a Treviglio, prima di essere sorpreso da un carabiniere e un agente di polizia penitenziaria in borghese.

A venire colto sul fatto un quindicenne, mentre l'altro individuo si è dileguato in bici non appena si è accorto della presenza delle forze dell'ordine. Il minorenne bloccato, si è poi scoperto, aveva rapinato il giorno prima un altro ragazzino la sera in via Tasso, portandogli via pochi spiccioli dopo averlo minacciato con un coltello. Si presume che l'altra persona che lo accompagnava fosse la stessa riuscita a eludere l'arresto da parte dei militari.

Commenti
gianluigi

E dopo essere stati identificati, cosa accade??????????

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali