da giovedì 15 ottobre

Il freddo bussa alla porta, ma finalmente è possibile accendere caloriferi e stufe

Nella Bergamasca sarà possibile tenere accesi gli impianti di riscaldamento per un massimo di 14 ore al giorno

Il freddo bussa alla porta, ma finalmente è possibile accendere caloriferi e stufe
15 Ottobre 2020 ore 18:35

Il freddo e le basse temperature stanno per abbattersi ufficialmente anche sulla Bergamasca ma da oggi, giovedì 15 ottobre, si può contare su un prezioso alleato: l’accensione del riscaldamento per un massimo di 14 ore al giorno e non più soltanto fino a 7 ore, com’era fino a oggi.

Come riportano i colleghi di PrimaLecco, secondo Arpa Lombardia un’ampia circolazione ciclonica interesserà il Nord Italia. La giornata di oggi è caratterizzata correnti occidentali debolmente instabili, con nuvolosità diffusa e isolate precipitazioni. «Dalla notte il transito di un nucleo depressionario più attivo determina sulla regione precipitazioni diffuse e moderate con venti in rinforzo –  spiegano dall’agenzia regionale di protezione dell’ambiente -. Domani mattina progressivo miglioramento: lo spostamento del minimo verso est lascia sull’arco alpino un flusso settentrionale ancora debolmente instabile ma senza fenomeni di rilievo. Fino a domenica mattina qualche addensamento per nubi basse ma prevalentemente poco nuvoloso e senza precipitazioni significative. Possibile foschia in pianura alla notte ed al mattino. Da domenica la regione sarà interessata da un flusso nordoccidentale più stabile e asciutto. Possibile peggioramento dalla sera di martedì (20 ottobre)».

La normativa sul riscaldamento individua diverse zone, in ognuna delle quali è possibile tenere accesi termosifoni e caldaie per un monte ore giornaliero limitato. La provincia di Bergamo è compresa nella cosiddetta “zona E”, che include diverse località settentrionali e montuose tra cui le provincie di: Alessandria, Asti, Aosta, Biella, Brescia, Como, Cremona, Lodi, Milano, Monza e Brianza, Novara, Padova, Pavia, Sondrio, Torino, Varese, Verbania, Vercelli, Bolzano, Gorizia, Pordenone, Bologna, Ferrara, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Treviso, Trieste, Udine, Verona, Vicenza, Venezia, Arezzo, Perugia, Rieti, Frosinone, L’Aquila, Campobasso, Potenza ed Enna.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia