Da un articolo del Sole24Ore

L’inattesa lezione di Gianluca Vacchi all’imprenditoria italiana di famiglia

L’inattesa lezione di Gianluca Vacchi all’imprenditoria italiana di famiglia
26 Settembre 2016 ore 02:30

Di Gianluca Vacchi, imprenditore super abbronzato, iper fisicato e decisamente tatuato che sta rapidamente scalando le classifiche italiane dei personaggi più seguiti su Instagram e social network in genere, abbiamo già scritto qui. Del suo successo crescente è misura proprio il nostro articolo, risalente a poco più di un mese fa, in cui riportavamo – come esempio del suo nutrito seguito online – la cifra dei suoi follower su Instagram: 1,5 milioni. Bene, oggi il conteggio riporta 4,7 milioni. A sostenerlo nella sua fama vip, oltre ai suoi strani e amatissimi balletti e allo sfoggio costante di fisico allenato e denaro sonante, anche la sua vicinanza al jet set italiano (da Belen a Melissa Satta) e il coinvolgimento in Vallettopoli 2007 (come vittima di ricatto da parte di Corona).

 

Ibiza , July #gvlifestyle

A photo posted by Gianluca Vacchi (@gianlucavacchi) on

 

Da dove salta fuori? Non dal basso. Vacchi è infatti figlio del fondatore dell’IMA, azienda leader nella progettazione e produzione di macchine automatiche per il processo e il confezionamento di prodotti farmaceutici, cosmetici, e alimentari ed è laureato in Economia e commercio. Perché non ha continuato il suo lavoro nell’impresa di famiglia? Lo spiega Andrea Arrigo Panato sul Sole24Ore, parlando della lezione che Vacchi ha dato, scegliendo di fare un passo indietro e di starne fuori, a tutta l’imprenditoria di famiglia italiana. E che si riassume così: «L’interesse aziendale non deve essere subordinato a quello familiare e personale; un buon passaggio generazionale non è solo quello in cui il figlio subentra al padre nel ruolo di imprenditore ma anche quello in cui l’erede fa un passo indietro ma sa gestire la delega perché è fondamentale avere l’intelligenza di delegare a chi si reputa più “efficace” nella gestione ordinaria dell’azienda».

 

 

Qui uno stralcio dell’articolo:

In questi giorni mi hanno chiesto di partecipare in qualità di relatore ad una serie di incontri formativi sul passaggio generazionale. Il tema è delicato sia per gli effetti sul sistema economico sia per i risvolti psicologici degli attori coinvolti, effetti troppo spesso sottovalutati da chi affronta l’argomento in maniera tecnica.

È un tema che negli ultimi anni – con il protrarsi della crisi economica – è divenuto più problematico sia per la maggiore fragilità delle imprese, sia per la maggiore difficoltà ad essere imprenditori in un contesto economico estremamente complesso e mutevole.

Sullo sfondo però c’è sempre il rapporto tra due o più generazioni e gli effetti di questo sulla continuità aziendale. L’argomento è stato più volte sviscerato e non è facile introdurre nuovi stimoli di discussione ma mai come in questo caso è utile provare a ribaltare i punti di vista. Fortunatamente l’attualità e la rete, come sempre, mi sono di grande aiuto e mi piace l’idea di poter condividere con il lettore qualche riflessione.

Questa estate è scoppiato il fenomeno Gianluca Vacchi, personaggio seguitissimo e criticatissimo su internet. Lo dico subito, il suo profilo instagram mi diverte e trovo alcune immagini come quella del samurai a cavallo di una pecora (quasi a richiamare un novello Don Chisciotte) particolarmente ispirate.

La storia in breve del fenomeno Gianluca Vacchi. Gianluca Vacchi è azionista e membro del consiglio di amministrazione della società di famiglia la IMA S.p.a. (società quotata alla Borsa di Milano, tra le principali aziende internazionali specializzate nel processo e nel confezionamento di prodotti farmaceutici, cosmetici, alimentari, tè e caffè). Da anni non vi ricopre incarichi operativi, delegandone al cugino Alberto (presidente di Unindustria Bologna nonché ex candidato alla presidenza di Confindustria) la gestione. Ha avuto altre esperienze imprenditoriali (Toy Watch, Last Minute Tour, ecc). È diventato famoso soprattutto perché ama viver bene e farlo sapere. Sulle sue attività imprenditoriali molto è stato scritto, così come sull’opportunità o meno della sua presenza online. Sono sincero: sono cose che mi interessano poco, mi auguro che le sue iniziative siano state e siano di successo e non essendo una persona che conosco personalmente né un parente stretto non mi sento proprio di fare la morale a nessuno.

La lezione di Gianluca Vacchi. Mi è piaciuta molto invece una risposta (passata stranamente sotto traccia) che ha dato ad uno dei mille e più commenti particolarmente severi nei suoi confronti, perché racchiude una grande verità spesso trascurata: “Ti rispondo perché non mi sembri una persona sgarbata e vorrei darti un aiuto a comprendere alcune dinamiche dell’essere un uomo come me. Lavorare, Rossella, può voler dire andare in ufficio ma lavorare è anche sostenere il rischio, elaborare strategie e avere l’intelligenza di delegare, capacità tanto importante quanto quella di saper gestire. Il mio mestiere è quello di fare l’azionista, di aziende che non mi sono trovato e nel caso alcune me le sia trovate, erano in una condizione assolutamente non paragonabile a quella attuale. Vedi cara Rossella, la piccola mentalità che vede nell’approccio calvinista l’unico riconducibile al lavoro, appartiene a un mondo soprattutto italiano che considera che l’avere un’azienda presupponga una predeterminazione genealogica del ruolo, condizione che subordina l’interesse aziendale a quello familiare e personale”…»

Continua a leggere sul Sole24Ore.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia