la previsione di Ascom

Nuovo lockdown, nella Bergamasca a rischio ben 49 mila posti di lavoro nel terziario

Nuovo lockdown, nella Bergamasca a rischio ben 49 mila posti di lavoro nel terziario
04 Novembre 2020 ore 18:12

Il nuovo lockdown farà chiudere tra le 8 e le 15 mila imprese del terziario nella Bergamasca, mettendo a rischio 49 mila posti di lavoro. È la stima, catastrofica, data dall’Osservatorio di Ascom Confcommercio Bergamo, aggravata dalla mancanza di chiarezza da parte delle istituzioni che sta avendo un impatto assai forte sulla categoria.

La preoccupazione è che parte del fatturato perso in primavera e recuperato nei mesi estivi venga irrimediabilmente perduto a seguito delle nuove chiusure, e che quegli imprenditori che hanno chiesto in passato finanziamenti non riescano ad avere nuova liquidità. «Siamo preoccupati e amareggiati per la mancanza di visione e coordinamento tra Governo e regioni – commenta il presidente Giovanni Zambonelli -. Queste categorie hanno investito molto nel rendere sicure le loro attività e i loro clienti, ma queste attenzioni, che hanno richiesto tempo e risorse, non sono neppure state prese in considerazione».

A lasciare perplessa l’associazione di categoria, inoltre, sono anche i “ristori” previsti per le attività che saranno costrette a fermarsi e, soprattutto, la modalità con cui il Governo ha deciso di comunicare le chiusure. «Mentre negli altri Paesi il Governo ha comunicato il lockdown con una settimana di preavviso – aggiunge Zambonelli -, in Italia ciò avviene con poche ore di anticipo creando danni enormi alle imprese che si trovano a dover buttare le scorte acquistate per la loro clientela. Non è possibile che solo la sera si venga a sapere quello che c’è da fare la mattina successiva».

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia