Colpa della pandemia

Nuovo rinvio dell’inaugurazione del mega centro commerciale firmato Percassi e Westfield a Segrate

La società nata dall'unione delle due realtà ha annunciato la cancellazione della data fissata al 2022. Le foto dei progetti degli interni

Nuovo rinvio dell’inaugurazione del mega centro commerciale firmato Percassi e Westfield a Segrate
04 Maggio 2020 ore 11:07

L’ennesimo rinvio di un progetto mastodontico ma che, negli anni, ha incontrato ben più di qualche rallentamento. E così anche la data fissata al 2022 per l’inaugurazione del Westfield Segrate, l’ambizioso progetto di uno shopping center nella città della provincia milanese firmato dal Gruppo Percassi e Westfield, è stata cancellata. E, per ora, non si sa quando i lavori potranno partire e dirsi conclusi.

5 foto Sfoglia la gallery

Lo rende noto il Corriere Bergamo, che riporta la comunicazione fornita dalla Westfield Milano e dalla Unibail-Rodamco-Westfield: si annuncia «a seguito dello scoppio di Covid 19, la rimozione di ulteriori 1,6 miliardi ai progetti controllati, incluso Westfield Milano». Tradotto: «Tutti i progetti Urw che sono stati rinviati a causa di particolari circostanze di mercato o amministrative sono stati rimossi dalla pipeline fino a quando i progetti, i costi di investimento e i tempi di consegna non sono finalizzati. Lo sviluppo di Westfield Milano è stato sospeso fino a quando non ci saranno le condizioni per il rilancio del progetto, e pertanto rientra nella categoria dei progetti rimossi dalla pipeline. Continueremo a lavorare con le autorità, i retailer e gli stakeholder locali per valorizzare al massimo questo sito strategico».

Non una cancellazione del progetto, bensì un rinvio a data da destinarsi. Del resto, la realizzazione di questo mall rappresenta uno dei principali investimenti nel settore a livello europeo, tale da prevedere anche diverse opere di pubblica utilità. Westfield Milano è una joint venture tra Unibail-Rodamco-Westfield (uno dei gruppi di centri commerciali più importanti al mondo che detiene il 75 per cento dello sviluppo) e Stilo Immobiliare Finanziaria di Antonio Percassi (che opera attraverso Arcus Real Estate) per il restante 25 per cento. Una struttura da 155 mila metri quadrati che punta a un mix di lusso, moda, ristorazione e tempo libero, con la previsione anche della realizzazione del primo punto vendita italiano delle Galeries Lafayette. Sono previsti trecento negozi, cinquanta boutique e altrettanti ristoranti, più un cinema Uci con 16 sale. Diecimila parcheggi e diciassettemila nuovi posti di lavoro previsti.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia