Cronaca
Nuove indiscrezioni

Omicidio Ziliani, la famiglia di Mirto Milani lascia la Roncola

I tre arrestati non rispondono al gip. Intanto i parenti del giovane sono tornati a Calolziocorte

Omicidio Ziliani, la famiglia di Mirto Milani lascia la Roncola
Cronaca 29 Settembre 2021 ore 11:39

Attualmente Paola e Silvia Zani si trovano nel carcere di Verziano, Mirto Milani in quello di Canton Mombello. Nella giornata di ieri, martedì 28 settembre, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere i tre accusati dell’omicidio dell’ex vigilessa Laura Ziliani, che nel corso dell’interrogatorio di garanzia non hanno risposto alle domande del gip. In ogni caso, la procura di Brescia valuta di interrogarli nuovamente tra qualche giorno.

Nel caso delle sorelle Zani, la giudice Alessandra Sabbatucci è rimasta nella sala degli interrogatori per circa quaranta minuti, una ventina invece nel caso di Milani. Il 27enne di Calolziocorte è difeso dall'avvocato Maria Pia Longaretti, che così come quello delle due sorelle non ha voluto parlare con la stampa ed è entrato in carcere a Brescia in macchina, proprio per evitare i cronisti.

Nel frattempo, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera Bergamo, la famiglia di Mirto Milani già da venerdì 24 settembre scorso, data del suo arresto, ha fatto le valigie e abbandonato Roncola San Bernardo per far ritorno a Calolziocorte. I genitori si erano trasferiti l'8 maggio, il giorno dopo la scomparsa della donna, nella sua casa di Temù in Val Camonica e insieme al figlio avevano incominciato a gestire le sue proprietà, effettuando pulizie e manutenzione oltre a riscuotere gli affitti. Dopo che Mirto era stato incluso tra gli indiziati per l'omicidio, con l'arrivo dei giornalisti davanti all'abitazione così come all'altra di Calolziocorte, c'era stata la decisione di spostarsi nella cascina ristrutturata, che veniva utilizzata per le vacanze. Ma la stampa li aveva raggiunti anche lì: avevano messo tende per evitare le riprese e chiamato i carabinieri perché li allontanassero. Gli stessi carabinieri che poi, arrivati venerdì mattina alle 7, hanno arrestato e portato via il giovane.