resteranno installati

Palazzo Frizzoni “allunga la vita” dei dehors, ma servirà il nulla osta dei negozi confinanti

Il consiglio comunale dovrà approvare due modifiche al regolamento di occupazione del suolo pubblico: si pensa di allungare il tempo di installazione dei dehors stagionali da 180 a 270 giorni all'anno

Palazzo Frizzoni “allunga la vita” dei dehors, ma servirà il nulla osta dei negozi confinanti
Bergamo, 03 Novembre 2020 ore 16:05

Ormai ci abbiamo fatto talmente l’abitudine che camminando per le strade di Bergamo quasi non ci si fa più caso. Stiamo parlando dei dehors, risorsa fondamentale che ha consentito a locali, bar e ristoranti di continuare a lavorare in sicurezza durante il periodo estivo e in questi primi mesi autunnali. Ora, al netto delle cattive notizie che arrivano da Palazzo Chigi, ne arriva una buona da Palazzo Frizzoni: queste strutture potranno restare in funzione anche nei prossimi mesi, in virtù di una modifica del regolamento per l’occupazione del suolo pubblico che dovrà passare la vaglio del prossimo consiglio comunale. In passato, infatti, era previsto che i dehor stagionali potessero restare aperti per un massimo di 180 giorni all’anno, ma ora questo limite sarà con ogni probabilità portato alla soglia dei 270 giorni. Nel frattempo i locali potranno osservare l’evoluzione dell’emergenza sanitaria e decidere se trasformare i dehors stagionali in permanenti oppure no.

Il Comune di Bergamo, inoltre, ha stabilito che prima dell’installazione dei dehors i titolari degli esercizi commerciali ottengano un nulla osta dai commercianti confinanti, così da poter “sconfinare” dai limiti imposti dalle loro vetrine. Se il nulla osta venisse negato, la struttura dovrà essere rimossa. Ad oggi lamentele non ce ne sono state, ma le nuove norme hanno lo scopo preciso di evitare che nascano incomprensioni tra negozianti vicini quando questo periodo di convivenza con il virus non si sarà normalizzato.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia