lo studio

Polmoniti anomale, l’Ats di Bergamo ufficializza: «Nessun dato allarmante prima di febbraio»

La tematica è stata approfondita da un'analisi realizzata dal servizio di Epidemiologia dell'Agenzia di tutela della salute. Il video del dottor Zucchi

03 Luglio 2020 ore 17:11

«Possiamo affermare con ragionevole certezza che i casi di polmonite riscontrati ad Alzano e nella Bergamasca non potevano essere associati a una presenza del coronavirus in provincia nei mesi compresi tra dicembre 2019 e gennaio 2020». È quanto emerge, da uno studio realizzato dal servizio di Epidemiologia di Ats Bergamo, come spiegato dal dottor Alberto Zucchi, direttore del servizio che ha approfondito la tematica. L’analisi è stata eseguita in seguito alle 110 polmoniti da “agente non specificato” individuate all’ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano da novembre a gennaio. La tesi dell’Ats è che, nonostante la crescita dei dati e le testimonianze dei medici di base, l’andamento dei ricoveri è riconducibile all’andamento stagionale della malattia.

🔴🔴🔴 #Covid-19. Approfondimento con Alberto Zucchi (direttore Epidemiologia ATS Bergamo) su polmoniti in provincia di Bergamo 👉 www.lombardianotizie.online

Pubblicato da Lombardia Notizie Online su Venerdì 3 luglio 2020

«Le polmoniti possono essere causate da diversi fattori e avere una natura sia batterica sia virale – ha spiegato il dottor Zucchi -. L’Ats ha ricostruito il movimento e la quantità statistica dei ricoveri in tutti gli ospedali bergamaschi, cercando di individuare tutti i codici di patologia che possono essere associabili alle polmoniti causate dal Covid-19. I dati mostrano chiaramente come da gennaio del 2017 fino all’inizio dell’epidemia la situazione fosse nella norma: non ci sono picchi che escano dai livelli di riferimento storico, in particolare da novembre 2019 a gennaio 2020. L’andamento dell’ospedale di Alzano, nonostante alcune fluttuazioni statistiche, è sovrapponibile a quello medio provinciale». È esclusa, quindi, la possibilità di individuare eventuali segnali che indicassero che l’epidemia avrebbe colpito così violentemente: «A marzo e ad aprile, poi, la quantità di ricoveri si è impennata – ha aggiunto Zucchi -. Da una media di 350-400 casi di polmoniti virali o di natura atipica siamo arrivati a quattromila ricoveri».

Venendo alla situazione attuale dell’epidemia, il dottor Alberto Zucchi ha sottolineato che «da un punto di vista statistico la curva dei contagi sta scendendo a livelli quasi di sicurezza. Tuttavia, è fondamentale continuare a rispettare le norme di sicurezza, indossare la mascherina, mantenere le distanze ed evitare assembramenti inutili».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia