l'andamento della settimana

Rallenta la riduzione dei contagi. Timori per i focolai legati alle varianti (ma i vaccini funzionano)

In Lombardia, nella prima settimana di luglio, la variante Delta è diventata dominante, presente nel 45 per cento dei tamponi positivi analizzati

Rallenta la riduzione dei contagi. Timori per i focolai legati alle varianti (ma i vaccini funzionano)
Cronaca Bergamo, 10 Luglio 2021 ore 19:32

Gli occhi degli italiani sono puntati sulla finale di domani. Quelli del Viminale e delle autorità sanitarie sui caroselli e sulle zone dove i tifosi si potrebbero ammassare in caso di vittoria dell’Italia.

I focolai di variante Delta (o indiana) scoppiati un po’ ovunque lungo la Penisola spaventano, anche perché dopo settimane di calo sostenuto i contagi hanno iniziato a diminuire meno rapidamente (in alcune aree del Paese la tendenza pare essersi quasi invertita) e secondo una stima della Fondazione Gimbe sono oltre 5 milioni e mezzo gli over 60, ossia le persone a rischio, senza l’adeguata copertura vaccinale.

In Lombardia nella prima settimana di luglio la variante Delta è diventata dominante, essendo stata riscontrata nel 45 per cento dei tamponi positivi analizzati. La buona notizia è però che tra coloro che hanno completato il ciclo vaccinale, indipendentemente dalla tipologia di preparato inoculato, solo il 6 per cento è stato contagiato. Un’ulteriore conferma degli effetti positivi della campagna vaccinale.

La diffusione del contagio

Dal 30 giugno al 6 luglio, in provincia di Bergamo sono stati accertati 55 contagi legati al Covid, 2 in meno rispetto alle positività conteggiate nel precedente monitoraggio eseguito dall’Ats. Un calo pari al 4 per cento, contro il 43 per cento rilevato in precedenza.

Al momento restano comunque contenute sia la media dei casi incidenti, stabile a 8 contagi quotidiani, sia l’incidenza settimanale, pari a 5 nuovi casi ogni 100 mila bergamaschi.

Nonostante la frenata nella flessione della curva epidemiologica, si conferma nuovamente il calo della pressione esercitata dai malati sulle strutture ospedaliere lombarde.

Nel complesso, su scala regionale, venerdì 2 luglio i pazienti in terapia intensiva erano 47 e quelli ricoverati nei reparti ordinari 195. In una settimana, i malati Covid nei reparti di area critica sono scesi a 37, quindi 10 in meno, mentre quelli ricoverati nei reparti ordinari nel complesso sono 121, pari a un calo di 74 pazienti.