Cronaca
La scoperta

Silvana Erzembergher, che freddò il vicino di casa, parente dei sinti della sparatoria a Caravaggio

È sorella di Claudio Ezzembergher, in carcere dal 25 gennaio con il figlio: il cognome differisce per una “r” a causa di un errore all’anagrafe

Silvana Erzembergher, che freddò il vicino di casa, parente dei sinti della sparatoria a Caravaggio
Cronaca 12 Febbraio 2023 ore 23:57

La facilità nel ricorrere alle armi da fuoco e la quasi assoluta uguaglianza del cognome non sono l’unico denominatore comune tra Silvana Erzembergher, 71 anni, la pensionata di Treviglio che il 28 aprile freddò un vicino di casa per un banale litigio, e Claudio Ezzembergher, 76 anni, che con il figlio Luciano è accusato di aver pianificato la gambizzazione (poi eseguita, pare, dal sinti Giovanni Huyer, residente in Brianza) il marocchino Badr Ainouss (detto Pedro) lo scorso 5 settembre in una cascina di Caravaggio: Silvana e Claudio sarebbero fratelli, come riportato dal Corriere della Sera Bergamo.

Tutti i “membri” della famiglia sono detenuti. Silvana, in particolare, è in una struttura per malati psichiatrici a Castiglione delle Stiviere (Mantova), perché ritenuta inferma di mente. Pedro ha riconosciuto il volto della donna dalle foto sui giornali: si sarebbe presentata con i parenti per una prima minaccia nei suoi confronti, nel corso del 2022: il marocchino aveva occupato abusivamente la cascina in cui viveva e per farlo sloggiare gli Ezzembergher sarebbero stati pronti alla violenza.

Ma perché i due cognomi non coincidono? L’ipotesi è che ci sia stato un errore di trascrizione da un’anagrafe all’altra, più verosimilmente per Silvana: di Ezzembergher ce ne sono molti, in Lombardia,

Seguici sui nostri canali