la conferma

Vaccini anti-Covid, dopo gli over80 tocca alle carceri. Gori: «Arcuri ci ha ascoltato»

Il sindaco aveva avanzato la richiesta al commissario straordinario insieme alla direttrice del carcere e alla garante dei detenuti di Bergamo

Vaccini anti-Covid, dopo gli over80 tocca alle carceri. Gori: «Arcuri ci ha ascoltato»
Cronaca Bergamo, 22 Gennaio 2021 ore 10:10

La campagna vaccinale anti-Covid al momento, visti i tagli alla fornitura delle dosi operati da Pfizer, procede a rilento. Tuttavia, il Governo guarda avanti e, dopo gli ultraottantenni, sarà la volta di detenuti e del personale carcerario di ricevere il siero contro il coronavirus.

A darne notizia è stato il sindaco Giorgio Gori, con un messaggio pubblicato su Twitter: «Il commissario Arcuri ha comunicato che detenuti e personale delle carceri potranno essere vaccinati subito dopo gli over 80. È ciò che gli avevamo chiesto insieme alla direttrice del carcere di Bergamo e alla garante dei detenuti. Felice che ci abbia ascoltato».

Il primo cittadino, Teresa Mazzotta, la direttrice del carcere, e Valentina Lanfranchi, la garante dei diritti dei detenuti di Bergamo, si erano uniti all’appello lanciato dalla senatrice a vita Liliana Segre, che aveva chiesto al premier Giuseppe Conte e al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede di inserire tra le categorie prioritarie anche la popolazione carceraria.

La richiesta di vaccinare con urgenza i detenuti e il personale penitenziario era stata motivata sottolineando il rischio di un’esplosione incontrollata dei contagi nelle carceri, a causa del loro sovraffollamento. Un ulteriore pericolo è legato al fatto che causa della paura connessa alle infezioni possano insorgere disordini tra i carcerati.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli