Rintracciati

Violenza nella baracca a Boccaleone: denunciato un 40enne italiano

La vittima l'ha riconosciuto l'altra sera in zona stazione, insieme all'altro uomo che avrebbe assistito alla scena senza intervenire

Violenza nella baracca a Boccaleone: denunciato un 40enne italiano
Pubblicato:
Aggiornato:

Un quarantenne italiano è stato rintracciato in centro a Bergamo ed è stato denunciato per lo stupro avvenuto nella serata di domenica 7 luglio in una baracca a Boccaleone.

Nella sera di lunedì la vittima, una giovane di 22 anni, avrebbe riconosciuto sia lui che l'altro uomo, che avrebbe assistito al reato senza intervenire. Sono così intervenuti i carabinieri, che li hanno identificati e il presunto autore della violenza è stato denunciato a piede libero.

Una baracca sulla ferrovia

Secondo quanto ricostruito la ragazza, che abita in un paese dell'hinterland, si era allontanata da casa dopo un litigio con il fidanzato. Ha poi conosciuto, in circostanze ancora da chiarire, due uomini e una donna, con i quali si sarebbe ubriacata in un parco di Borgo Palazzo, dopo aver acquistato gli alcolici in un supermercato lì vicino. In stato confusionale, sarebbe poi finita nella baracca di lamiere, che si trova a una distanza di poco più di un centinaio di metri dal passaggio a livello di via Pizzo Recastello, in direzione Seriate.

L'aggressione

In quel luogo è poi avvenuta l'aggressione da parte di uno degli appartenenti a quel gruppo, che l'ha picchiata e poi violentata, mentre un secondo soggetto (ancora da chiarire se si tratti di un altro individuo o se facesse parte anche lui della compagnia) era presente mentre veniva commesso il crimine. Pur non avendovi preso parte direttamente, non avrebbe fatto nulla per impedire concretamente che l'altro lo portasse a termine.

Il resto si conosce: la ragazza ha urlato nel tentativo di respingere il suo aguzzino e chiedere aiuto, attirando l'attenzione dei residenti che hanno chiamato il 112. Nel frattempo, i soggetti sono fuggiti riuscendo a far perdere temporaneamente le proprie tracce, anche se per poco, dato che nel giro di poche ore sono stati trovati dalle forze dell'ordine.

Commenti
Luca Togni

Scusa mi correggo: di origine straniera.

Luca Togni

Aurora, non per dare ragione al commento precedente, ma in precedenti articoli era chiaramente scritto che la ragazza è di origine africana. Tutto qui.

Aurora

Massimo, dove sta scritto che la ragazza è straniera? Hinterland non è uno stato estero...o lo sai perché ci nascondi qualcosa?

Massimo

Orrendo crimine Che in questo caso non susciterà sdegno essendo italiano il reo ed extracomunitaria la vittima. Nel caso contrario avremmo già manifestazioni col Capitano in piazzale Marconi. Così invece poco più del silenzio.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali