Il punto

Vittime di meningite: il 16enne di Castelli Calepio è tornato a casa mentre è stabile il 54enne di Predore

In Bergamasca si è superata quota 14.500 vaccinazione straordinarie effettuate. L'attività nelle scuole continua a Trescore, così come nelle aziende

Vittime di meningite: il 16enne di Castelli Calepio è tornato a casa mentre è stabile il 54enne di Predore
15 Gennaio 2020 ore 11:22

Buone notizie da quel del Sebino. Mentre continua a imperversare la paura per i casi di meningite riscontrati nella zona nell’ultimo mese e mezzo e che ha portato anche alla morte di due donne, arrivano buone notizie sulle ultime persone vittime del contagio.

È stato reso noto che il 16enne di Castelli Calepio che lo scorso 4 gennaio era stato ricoverato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo è tornato a casa. Un caso diverso dagli altri, quello dello studente: nel suo caso, infatti, si era trattato di meningococco di tipo B, l’unico di questa tipologia, visto che gli altri cinque casi registrati sono stati tutti ricondotti al meningocco C. Dopo essere stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva e tenuto sotto strettissima osservazione, era poi stato trasferito in reparto già la scorsa settimana visto il netto miglioramento delle sue condizioni di salute.

Nello stesso ospedale cittadino è invece ancora ricoverato il 54enne di Predore marito di Marzia Colosio, la 48enne deceduta il 3 gennaio scorso. Dopo la tragica scomparsa della donna, sia lui che gli altri familiari della vittima avevano ricevuto la profilassi nelle ore immediatamente successive, ma il fragile stato di salute dell’uomo non lo ha purtroppo aiutato (il 54enne usciva da una seria malattia), tant’è che il virus è riuscito comunque a colpirlo, sebbene in maniera non grave. Sin da subito le sue condizioni sono state definite non preoccupanti e attualmente sono stabili.

Nel frattempo le vaccinazioni straordinarie previste da Ats e Regione in provincia di Bergamo hanno superato quota 14.500, con i 504 studenti vaccinati all’istituto Lotto di Trescore tra lunedì 13 e martedì 14. Oggi, mercoledì 15 gennaio, e giovedì 16 gennaio l’attività proseguirà presso l’Istituto Lorenzo Federici e venerdì 17 si passerà al Centro di Formazione professionale, entrambi a Trescore. Le vaccinazioni sono anche iniziate nelle aziende del basso Sebino e della Val Calepio: la mattina di martedì 14 gennaio risultavano già vaccinati 732 dipendenti di dodici aziende bergamasche del territorio.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia