Economia
«aperture incondizionate»

Centri commerciali aperti tra Pasqua e Primo Maggio: la polemica dei sindacati

L'accusa: «La grande distribuzione non consentirà a migliaia di lavoratori di passare le festività in famiglia»

Centri commerciali aperti tra Pasqua e Primo Maggio: la polemica dei sindacati
Economia 16 Aprile 2022 ore 10:47

Centri commerciali e supermercati aperti durante le festività: è ancora polemica. La domenica di Pasqua rimarranno aperti bar e ristoranti dell’Oriocenter, de Le Due Torri a Stezzano e del centro commerciale di Curno, mentre gli altri negozi di queste strutture saranno impegnati nei giorni di Pasquetta, del 25 Aprile e del Primo Maggio.

Una tendenza all’apertura che ha suscitato le critiche dei sindacati. «Se si passano in rassegna supermercati e ipermercati, troviamo aperture di mezza giornata la domenica di Pasqua come all’Iperal di Treviolo, Scanzorosciate e Sorisole, mentre le altre catene come Esselunga, Iper, o Penny Market, riapriranno già a Pasquetta – sottolineano Mario Colleoni della Filcams-Cgil, Claudia Belotti di Fisascat-Cisl e Anila Cenolli di Uiltucs-Uil di Bergamo -. Anche quest’anno, insomma, la grande distribuzione non consentirà a migliaia di lavoratori del settore di passare le festività in famiglia».

Eppure, come da anni ripetono i sindacati, «alla liberalizzazione degli orari commerciali non è seguito un aumento dell’occupazione né il rilancio dei consumi. La verità è che i lavoratori hanno assistito solo al peggioramento sensibile delle loro condizioni di vita e di lavoro. È molto tempo che denunciamo una liberalizzazione sbagliata, contenuta in un provvedimento errato, il decreto Salva Italia del 2011, che chiediamo nuovamente venga modificato».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter