Mangiar bene
In viale Giulio Cesare

Ha aperto il nuovo Old Wild West sotto la Curva Nord del Gewiss Stadium

Prende il posto di America Graffiti, mai riuscito a decollare dopo l'inaugurazione avvenuta a pochi giorni dall'inizio della pandemia

Ha aperto il nuovo Old Wild West sotto la Curva Nord del Gewiss Stadium
Mangiar bene Bergamo, 14 Dicembre 2022 ore 16:13

Sotto il cielo neroazzurro dell'Atalanta, anzi proprio sotto la Curva Nord atalantina, è arrivato il nuovo Old Wild West, che ha inaugurato lo scorso 8 dicembre e che è ancora in fase di festeggiamenti, con promozioni speciali come quella di ieri, 13 dicembre,: in occasione di Santa Lucia, il ristorante ha reso gratuiti i menù per bimbi.

In via Giulio Cesare 18, proprio nella pancia del Gewiss Stadium, niente più America Graffiti dunque, locale ispirato agli anni '50 e in pieno stile Usa, che a poco meno di tre anni dall'inaugurazione, avvenuta nello sfortunato febbraio 2020, ha alzato bandiera bianca. Al suo posto è arrivato il Far West portato dal nuovo locale, dagli interni che proiettano gli avventori nei film western e dai piatti che spaziano dalla carne alla griglia e hamburger, fino al tex mex.

Va però sottolineato che entrambe le insegne fanno parte dello stesso gruppo di ristorazione: Cigierre, presente in vari Paesi d'Europa e in Australia con oltre 300 ristoranti, a cui fanno capo altri marchi del fast food e della cucina tematica come Shi's e Pizzikotto.

319183810_116075678006276_2812438353208142536_n
Foto 1 di 4
319105384_116077858006058_7974662965534249342_n
Foto 2 di 4
316955838_109098018704042_7443074358525804494_n
Foto 3 di 4
319423059_116077868006057_8427647093775565107_n
Foto 4 di 4

Old Wild West è la più grande catena burger & steak house d’Italia, ma sui social qualche uccellaccio del malaugurio e pessimista che ha tuonato «tanto chiuderete nel giro di due anni» c'è già stato. Sarà il tempo a dire se i bergamaschi sapranno apprezzare maggiormente lo stile western del nuovo locale, capace in genere di divertire e incuriosire bambini e adulti, rispetto a quello anni '50 di America Graffiti.

Seguici sui nostri canali