premio "Gino Giugni"

È di Giovanni Piglialarmi la miglior tesi di dottorato sul diritto sindacale e delle relazioni industriali

Il riconoscimento è stato conferito al dottorando dell'Università di Bergamo e alla dottoressa Gilda Braigo dell’Università di Bari

È di Giovanni Piglialarmi la miglior tesi di dottorato sul diritto sindacale e delle relazioni industriali
Pensare positivo Bergamo, 28 Giugno 2021 ore 15:47

È di Giovanni Piglialarmi, dottorando all’Università degli studi di Bergamo, la miglior tesi di dottorato discussa lo scorso anno in Diritto sindacale e relazioni industriali.

La Commissione di garanzia per lo sciopero nei servizi pubblici essenziali gli ha assegnato il premio “Gino Giugni” per la tesi "Nuove prospettive nel raccordo tra ordinamento statuale e ordinamento intersindacale: il ruolo del consulente del lavoro".

Il riconoscimento, assegnato durante la cerimonia che si è svolta venerdì scorso (25 giugno), è stato conferito ex aequo anche alla dottoressa Gilda Braigo dell’Università degli studi di Bari “Aldo Moro”, per la tesi “Giustizia retributiva e minimi salariali”.

Si tratta della quinta edizione del premio istituito per onorare la figura di Gino Giugni, giurista e politico che ha rivestito un ruolo centrale per la stesura dello Statuto dei lavoratori, assegnato appunto alla miglior tesi di dottorato di ricerca sui temi del diritto sindacale e delle relazioni industriali.