Pensare positivo
Idee e proposte

Il mercato del lunedì in centro alla città ci sta tutto (o quasi). Una proposta che piace

Lo fanno a Brescia, Mantova, Cremona... Trentasei banchi sono già sbarcati sul Sentierone: con via Tasso e piazza Matteotti gli spazi ci sarebbero

Il mercato del lunedì in centro alla città ci sta tutto (o quasi). Una proposta che piace
Pensare positivo Bergamo, 27 Novembre 2021 ore 09:05

di Paolo Aresi

Il primo passo è compiuto: trentasei banchi del mercato del lunedì sono sbarcati sul Sentierone. Ora bisogna pensare al passo successivo: tutto il mercato potrebbe tornare in centro alla città. Come avviene a Brescia, a Ferrara, a Mantova, a Cremona, tanto per stare alle città qui attorno. Tutto, o comunque una parte significativa del mercato generale del lunedì.

Dal punto di vista della geometria, le duecento bancarelle che compongono il mercato di Bergamo, tra quelle di via Spino e quelle oggi sul Sentierone (e fino a ieri in piazzale Alpini), potrebbero trovare posto nell’area che da via Torquato Tasso (angolo Contrada Tre Passi) arriva alle Colonne di Prato, in via XX Settembre. Comprendendo la via Mario Bianco, l’area di piazza Matteotti e magari di piazza Vittorio Veneto. Sarebbero necessari alcuni piccoli interventi per rendere fruibile tutta l’area, per esempio in via Tasso bisognerebbe inserire paletti mobili, al posto di quelli fissi, ai lati della strada.

Da parte degli ambulanti, la possibilità genera un certo entusiasmo, soprattutto tra i proprietari dei banchi di maggiore qualità. Che non sono soltanto italiani, ma anche marocchini ed egiziani. Gli egiziani sono maestri nel vendere frutta e verdura, scelgono qualità elevata e dispongono forme e colori in maniera persino artistica. Come abili sono anche tanti ambulanti marocchini, commercianti nell’anima: hanno inventato la vendita di abbigliamento monoprezzo, divisa per colore. Scrivono: “Tutto a dieci euro” e per quella cifra mettono in bella mostra gonne, pantaloni, maglie, camicie, giacche tutte in tinta, per esempio rosse o blu o azzurre, tutte a dieci euro. Con pochi soldi ti puoi fare un bel completo.

Si potrebbe pensare anche a un mercato ex novo che vada ad affiancare quello di via Spino del lunedì mattina che, a questo punto, potrebbe ridursi decisamente e rimanere orientato sulle merceologie più gettonate, ovvero l’usato e il genere “super economico”. È capitato in via Spino di trovare banchi con offerte incredibili, del tipo le scarpe a un solo euro. Offerte che lasciano spazio a seri dubbi sulla provenienza della merce...

Comunque, il mercato nel centro di Bergamo ridarebbe vita a una tradizione antica: quella della Fiera (...).

Continua a leggere su PrimaBergamo in edicola fino al 2 dicembre, oppure in versione digitale cliccando QUI