Un breve sondaggio

Dopo gli inglesi e i francesi ci tocca punire i tedeschi

Dopo gli inglesi e i francesi ci tocca punire i tedeschi
12 Dicembre 2017 ore 08:00

Le urne di Nyon hanno parlato. Dopo l’incredibile scarica di emozioni della serata con il Lione, a febbraio, per i sedicesimi di finale di Europa League, l’Atalanta se la vedrà con i tedeschi del Borussia Dortmund. Una sfida complicata oggettivamente e ci poteva andare meglio (molto meglio) visto che siamo passati da testa di serie, ma il fascino di una partita del genere, in uno degli stadi più belli d’Europa e davanti alla Curva più bella, esteticamente parlando, d’Europa, cancella ogni preoccupazione e ci proietta già al 15 febbraio, giorno in cui moltissimi bergamaschi partiranno per la Germania, in attesa del ritorno del 22 febbraio. Il Borussia non sta vivendo la sua miglior stagione, anzi: male male in Champions, competizione dalla quale è retrocesso in Europa League, e male anche in campionato. C’è chi parla di sfortuna (e anche il Papu, su Instagram, ha pubblicato un simpatico post di commento), ma più o meno tutti i tifosi sono concordi nel dire che sarà una bellissima avventura da affrontare insieme.

 

Vabbè dai … @europaleague ? #Atalantabc #quemalasuerte ??‍♂️

Un post condiviso da ⓟⓐⓟⓤ ⓖⓞⓜⓔⓩ (@papugomez_official) in data:

 

Intanto, per ammazzare l’attesa, avevamo fatto un sondaggio su Facebook chiedendo ai tifosi chi avrebbero voluto incontrare a febbraio nella doppia sfida ad eliminazione diretta. A parte una piccola percentuale di appassionati orobici (1,8%) per cui il nome dell’avversario è indifferente, tutti gli altri hanno risposto con piacere: le 14 squadre possibili (su 16, vanno escluse Napoli e Lione) sono state tutte nominate ed ecco i risultati. Il Borussia non era andato malissimo, “conquistando” il 6,8% degli appassionati. Ma ecco la classifica.

 

Celtic Glasgow: 31%

Quasi un atalantino su tre tra quelli che hanno risposto al sondaggio sogna la trasferta del 15 febbraio in casa degli scozzesi del Celtic. A Glasgow si respira calcio d’altri tempo, la formazione biancoverde gioca le sue gare interne al Celtic Park, che è un impianto da oltre sessantamila posti: in tutto il Regno Unito, solo gli stadi di Wembley (Londra) e Old Trafford (Manchester) possono ospitare più persone. Distanza da Bergamo: 1491 chilometri (linea d’aria).

 

Nizza: 9,5%

La seconda classificata tra le avversarie preferite è stato il Nizza di Balotelli. Dai commenti dei tifosi, gli elementi che hanno portato a questa scelta sono principalmente logistici: si tratta della trasferta più corta, la Costa Azzurra è poco dopo il confine di Ventimiglia e quindi è prevedibile un vero e proprio esodo orobico senza costi particolarmente alti. Con una capienza di poco inferiore a 36mila unità, l’impianto Allianz Riviera è stato ristruttura per Euro 2016 e ha la particolarità di essere completamente autosufficiente dal punto di vista energetico visti i pannelli solari sul tetto. Distanza da Bergamo: 373 chilometri (distanza autostradale).

 

FC Copenaghen: 9%

Nonostante il clima particolarmente freddo anche a metà febbraio, la terza scelta è stata una trasferta a Copenaghen. La capitale danese è una bella città anche dal punto di vista turistico, da Orio al Serio con Ryanair è a disposizione pure il volo diretto con più soluzioni orarie in ogni giornata e quindi sembra la gara perfetta anche per i tifosi fai da te. Dal punto di vista sportivo, la voglia di Cornelius di fare uno scherzetto alla sua ex squadra può essere decisiva. La formazione del FC Copenaghen gioca le sue gare al Telia Parken e può contenere circa 38mila spettatori. Distanza da Bergamo: 1131 chilometri (linea d’aria).

 

Borussia Dortmund: 6,8%

Un po’ per timore e un po’ per diffidenza verso il calcio tedesco, il Borussia Dortmund figura solo al quarto posto tra le formazioni preferite dai tifosi per il sorteggio di Europa League. Il confronto con una squadra giallonera è affascinante, i nerazzurri di Gasperini l’hanno già incontrata in amichevole ad Altach vincendo per 1-0 grazie a Ilicic e anche se in Europa League sarà un’altra storia la voglia di vedere da vicino la famosa Sudtribune (è la gradinata più grande d’Europa con i suoi 25mila posti) è tantissima. Il Westfalenstadium (per ragioni di sponsor conosciuto anche come Signal Iduna Park) ha una capienza di 81.359 spettatori che vengono ridotti a 65.581 nelle competizioni internazionali. Distanza da Bergamo: 917 chilometri (distanza autostradale).

 

Astana: 6,4%

Sarà per il fascino della trasferta biblica, o magari qualcuno pensa davvero che questi siano più scarsi degli altri, oppure tutto si spiega con la follia collettiva che l’Europa League sta regalando. Non sappiamo per quale preciso motivo, ma il 6,4% di chi ha risposto al sondaggio su chi vorrebbe incontrare nei sedicesimi di finale ha fatto il nome del FC Astana. Astana è la capitale del Kazakistan, la distanza da Bergamo è incredibile e per arrivare fin laggiù (il Kazakistan confina con la Cina e la Mongolia a Est) servono oltre 9 ore di volo con ben 5 ore di fuso orario. Uscisse dall’urna la formazione biancazzurra allenata da Stolilov, chissà quanti bergamaschi si metteranno in viaggio davvero per stare al fianco della Dea. Distanza da Bergamo: 4.463 chilometri.

 

Partizan Belgrado: 6,4%

Lo stesso numero di preferenze del FC Astana lo ha ricevuto anche la formazione serba del Partizan di Belgrado. Dal punto di vista climatico, non si tratta di una trasferta agevole: il derby tra Partizan e Stella Rossa è ritenuto da più parti il più pericoloso al mondo e quando le gare si giocano nell’impianto del Partizan, i circa 33mila posti a disposizione (quasi tutti scoperti anche se a sedere) vengono riempiti di un calore che è tipico degli impianti dell’Est. Distanza da Bergamo: 981 chilometri (linea d’aria).

 

Ostersunds: 5%

Insieme all’Atalanta, la sconosciuta squadra svedese dell’Ostersunds rappresenta la sorpresa dell’Europa League. Arrivati a pari punti con il Bilbao, gli scandinavi sono finiti alle spalle degli spagnoli per il risultato dello scontro diretto ma hanno veramente stupito tutti. Le partite interne si giocano alla Jamtkraft Arena, impianto piccolissimo (poco più di cinquemila posti a sedere) con il terreno di gioco in erba artificiale. Considerando anche il periodo (a metà febbraio da quelle parti farà freddissimo), i tifosi che vorrebbero trovare la compagine svedese nell’urna evidentemente puntano ad un’altra gara da raccontare ai nipotini come quella di Nicosia. Distanza da Bergamo: 1970 chilometri (linea d’aria).

 

Stella Rossa: 5%

Come il Partizan, anche la Stella Rossa rappresenta la capitale serba Belgrado. Rispetto ai cugini, i biancorossi giocano nel mitico Marakana, che con i suoi 55.538 spettatori è l’impianto più grande del Paese. Dal punto di vista tecnico, nella Stella Rossa giocano due vecchie conoscenze dell’Atalanta come Richmond Boakye (titolarissimo) e Alexsander Pesic: dovesse essere questo il doppio confronto dei sedicesimi di finale, la Dea affronterebbe elementi che già conoscono cosa significa indossare la maglia dell’Atalanta. Distanza da Bergamo: 981 chilometri (linea d’aria).

 

Real Sociedad: 4,5%

Nella fantastica esperienza europea della Dea 2017/2018 manca una tappa in Spagna. Il sorteggio potrebbe regalare un viaggio a San Sebastian, nella Spagna del Nord, cuore dei Paesi Baschi. I biancoazzurri sono una delle formazioni storiche della Liga (il 2006/2007 segnò la retrocessione in B dopo quaranta campionati consecutivi nel massimo torneo) e giocare da quelle parti significherebbe misurarsi con una delle squadre più interessanti della competizione. Le gare interne della Real Sociedad si giocano allo stadio Anoeta, un impianto con oltre 32mila posti a sedere disposti su tre livelli e quasi completamente coperti. Distanza da Bergamo: 962 chilometri (linea d’aria).

 

AEK Atene: 4,1%

Il 4,1% delle preferenze sono state raccolte dall’AEK Atene. I gialloneri fanno parte di una polisportiva che (soprattutto nel basket) ha raccolto risultati anche molto importanti. L’impianto dove giocano i greci è lo stesso in cui il Milan ha vinto la sua ultima Champions League, si tratta dello stadio Olimpico Spyros che può contenere circa settantamila persone ed è completamente coperto. Uno dei motivi per cui i tifosi sperano di giocare qui è il facile collegamento aereo con Bergamo: da Orio al Serio c’è il volo diretto Ryanair. Distanza da Bergamo: 1444 chilometri (linea d’aria).

 

Spartak Mosca: 3,7%

È la sfida amarcord, l’unica avversaria che se dovesse essere abbinata alla Dea potrebbe godere di paragoni storici direttamente legati all’Atalanta. Lo Spartak Mosca è stato avversario della Dea anche nel 1989 e attualmente sulla panchina dei biancorossi siede Massimo Carrera (ex giocatore nerazzurro), che l’anno scorso ha guidato la compagine al titolo di Russia. In Champions League è arrivato un pessimo 7-0 subito a Liverpool, e sebbene attualmente ci siano tre squadre di Mosca nel tabellone di Europa League (Spartak, CSKA e Lokomotiv), solo quella di Carrera è in seconda fascia. Le gare interne vengono giocate alla Otkrytie Arena, lo stadio è nuovissimo (2014) e la capienza è di oltre 45mila posti. Distanza da Bergamo: 2242 chilometri (linea d’aria).

 

Marsiglia: 3,2%

Al terz’ultimo posto della classifica di preferenza dei tifosi interpellati, c’è il Marsiglia di mister Rudi Garcia. La formazione francese allenata dall’ex tecnico della Roma viene citata più per vicinanza chilometrica e per curiosità di vedere da vicino i caldissimi tifosi francesi. Le gare interne dell’OM vengono disputate nel famoso Velodrome, impianto avveniristico e strutturalmente molto particolare che può contenere ben 67.394 spettatori. Distanza da Bergamo: 580 chilometri (distanza autostradale).

 

Ludogorets: 1,8%

Unica formazione bulgara tra le qualificate ai sedicesimi di finale di Europa League, il Ludogorets è stato citato da pochissimi tifosi e sostanzialmente solo perché da quelle parti (Razgrad, Bulgaria Nord-orientale, a pochi chilometri dal confine con la Romania e dalla capitale rumena Bucarest) l’anno scorso ha giocato Josè Palomino. Il Ludogorets l’anno scorso ha partecipato ai gironi di Champions, l’impianto dove gioca le gare in casa è il piccolo Ludogorec Arena che può contenere appena dodicimila spettatori. Distanza da Bergamo: 1355 chilometri (linea d’aria).

 

Steaua Bucarest: 1,8%

Dalla Bulgaria alla Romania il passo è breve e le preferenze dei tifosi sono identiche. La Steaua Bucarest è una delle squadre della capitale rumena, da questa stagione il nome è cambiato in FCSB (Fotbal Club Steaua Bucarest) e l’impianto dove si giocano le gare interne è un piccolo grande gioiello: l’Arena Nationala può contenere oltre 55.600 persone e la particolarità è data dal fatto che nel breve volgere di 15′ minuti la copertura del campo e delle tribune può diventare completa. Particolare importante: tra Ryanair e Wizzair, da Orio al Serio ci sono diverse situazioni per voli low cost. Distanza da Bergamo: 1296 chilometri (linea d’aria).

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia