La riconferma

I treviolesi hanno scelto ancora lui: via libera al Pasquale Gandolfi III

L'esito delle elezioni ha ribadito la fiducia al sindaco (52,96 per cento). A seguire Romina Liuzza (26,78 per cento) e Linda Mapelli (20,26)

I treviolesi hanno scelto ancora lui: via libera al Pasquale Gandolfi III
Pubblicato:

Una bella contesa democratica quella a Treviolo, a differenza di altri paesi dove si è faticato a presentare due liste, oppure ce n’era una a cercare di raggiungere il quorum.

L'esito ha confermato ancora una volta, dopo due mandati, la fiducia a Pasquale Gandolfi, che con “Progetto Treviolo” ha conquistato il 52,96 per cento degli elettori, raccogliendo 3.004 voti. A seguire “Uniti per Treviolo”, lista di centrodestra di Romina Liuzza, con il 26,78 per cento, pari a 1.519 voti, e poco dietro “Nuova Treviolo”, la civica di Linda Mapelli, con il 20,26 per cento, che corrisponde a 1.149 schede.

Se poi si va a vedere chi ha preso più preferenze, della squadra di Gandolfi la maggiormente “gettonata” è Virna Invernici, il cui nome è stato scritto da 169 persone, in quella di Liuzza in testa c'è Gianfranco Masper (178) e in quella di Mapelli, invece, Cristina Arici (63). Questi i numeri ma, al di là di tutto, come hanno preso il risultato i contendenti e come pensano di muoversi in futuro?

«Si tratta di una maggioranza importante, che va a ripagare il lavoro di dieci anni - ha commentato Gandolfi -. La compagine elettorale quest’anno è stata diversa, c'era un gruppo nuovo, l’altro lo era parzialmente ed era appoggiato da forze politiche. La campagna elettorale è stata leale, ma diretta».

Per quanto riguarda la rosa degli assessori, ha già qualche idea? «Al momento niente di preciso, ci dovremo incontrare per discuterne - ha detto il primo cittadino -. Non escludo qualche conferma rispetto a chi ha ricoperto già degli incarichi, dopodiché un assessorato fondamentale sarà quello ai Servizi alla persona (...)

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino a giovedì 20 giugno, o in edizione digitale QUI

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali