Attualità
la proposta

Sicurezza in città, Rovetta (Lega): «Alla polizia locale si diano pistole al peperoncino»

Per evitare aggressioni agli agenti il consigliere comunale del Carroccio propone anche l'adozione di guanti anti-taglio, termoscanner e dissuasori di stordimento

Sicurezza in città, Rovetta (Lega): «Alla polizia locale si diano pistole al peperoncino»
Attualità Bergamo, 26 Giugno 2021 ore 10:27

Dotare gli agenti della polizia locale di Bergamo di pistole al peperoncino, guanti anti-taglio, termoscanner e dissuasori di stordimento. La proposta arriva a Palazzo Frizzoni dal consigliere della Lega Stefano Rovetta, all’alba del consiglio straordinario sulla sicurezza chiesto più volte dalle opposizioni e convocato lunedì prossimo (28 giugno).

È stato soprattutto il Carroccio, nell’ultimo periodo, a sottolineare ripetutamente come nel centro città, specialmente nelle vicinanze di piazzale Marconi, si verifichino fenomeni di violenza e ci siano criticità legate al degrado che la maggioranza snobberebbe.

«Gli agenti della polizia locale – spiega Rovetta - non sono dotati di presidi di sicurezza per salvaguardare la propria persona, limitando così le possibilità degli interventi. Sono troppi gli episodi in cui si registrano aggressioni a danno degli agenti». Per questa ragione già due anni fa, a dicembre del 2019, il Carroccio aveva proposto di dotare la polizia locale di bastoni distanziatori ma, nonostante il consiglio comunale avesse approvato l’idea, ad oggi il comando non ha ancora ricevuto questa dotazione.

Adesso le pistole al peperoncino, i guanti anti-taglio, i termoscanner e i dissuasori di stordimento potrebbero essere utilizzati dai poliziotti, al termine di un corso di formazione specifico, anche grazie a un provvedimento approvato a maggio da Regione Lombardia.

«È ormai improcrastinabile, quanto necessario e urgente, dotare le forze di polizia locale di strumenti di autodifesa e presidi che consentano loro di poter intervenire con maggior sicurezza – conclude il consigliere Rovetta -, tutelando la propria incolumità».