L'iniziativa

Castelli della Bassa aperti anche il 1° agosto (l’ultima volta senza green pass)

Su piste ciclabili o lungo i parchi di Serio, Adda e Oglio, ci sono tutti i requisiti per una bella gita fuori porta

Castelli della Bassa aperti anche il 1° agosto (l’ultima volta senza green pass)
Escursioni 31 Luglio 2021 ore 00:02

Non si ferma la coalizione tra luoghi fortificati della Bassa, per spingere i visitatori a cingerli d’assedio. Anche ad agosto, infatti, tornano le “Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali” di “Pianura da scoprire”, per un turismo di prossimità e nella natura. L’appuntamento utile è domenica 1.

Una serie di manieri e borghi cinti da mura sparsi nelle province di Bergamo, Milano e Cremona saranno aperti al pubblico con visite guidate per trascorrere una giornata lontana dai centri urbani, a due passi dalle città lombarde, eppure in luoghi affascinanti e ricchi di storia, spesso immersi nel verde e nella natura. Attraverso piste ciclabili o lungo i parchi dei fiumi Serio, Adda e Oglio, ci sono tutti i requisiti per una piacevole gita fuori porta, con l’aggiunta di eventi come degustazione di vini e prodotti tipici, mercatini di collezionismo e antiquariato, feste popolari con musica e animazione.

3 foto Sfoglia la gallery

Non essendo l’1 agosto ancora in vigore il green pass, il nuovo certificato non sarà necessario, ma verranno applicate tutte le opportune precauzioni, alla pari delle giornate precedenti: ci sarà l’obbligo di prenotazione, sia per organizzare al meglio i gruppi per le visite guidate (numero contingentato) sia evitare assembramenti. Nei luoghi chiusi si manterrà l’obbligo di indossare la mascherina e in generale di mantenere la distanza interpersonale di almeno 1 metro. Tutti i dettagli sulle località aperte, con orari, percorsi di visita, costi e prenotazioni le trovate sul sito sempre aggiornato www.pianuradascoprire.it e sulla pagina Facebook. La segreteria organizzativa è inoltre disponibile per tutte le informazioni necessarie, chiamando al numero 0363.301452 o scrivendo all’indirizzo mail info@pianuradascoprire.it.

L’elenco dei luoghi aperti parte da Malpaga, castello di forma quadrata protetto da due cerchia di mura e da due fossati. Entro il primo fossato, ormai scomparso, c’erano le scuderie e gli alloggiamenti dei soldati; il secondo, invece, cinge tuttora il castello vero e proprio. Gli affreschi del salone al piano terra sono stati presumibilmente realizzati nei primi decenni del cinquecento per rievocare la visita del Re Cristiano di Danimarca a Colleoni avvenuta nel 1474.
Sorprendente il borgo medievale di Martinengo, ricco di storia e di arte: vestigia medievali e archeologia industriale, antichi conventi affrescati, chiese monumentali e di campagna. Non ha bisogno di molte presentazioni invece il castello di Pagazzano: il nucleo originario della costruzione fortificata era già noto nel basso medioevo, ma la costruzione del maniero nella forma e nei particolari giunti fino a noi è stata realizzata tra il 1450 e il 1475. Nel 1272 apparteneva alla famiglia Torriani; successivamente passò in mano ai Visconti che pare lo collegarono al castello di Brignano tramite un passaggio segreto sotterraneo.

La presenza della Rocca a Romano è documentata a partire dal secolo XIII: sede dei diversi feudatari, vicari, ducali e podestà veneziani che si sono succeduti nel governo del borgo, venne utilizzata anche come magazzino per le scorte alimentari e per le munizioni. Il castello di Solza diede invece i natali al Colleoni. Ha una struttura quadrilatera, resti di una torre, di camminamenti e di una cinta muraria. La sommità della cinta difensiva presenta ancora alcune parti della corona merlata in mattoni. Questa vede l’alternarsi di elementi dotati di una piccola feritoia svasata; proprio da qui partivano le frecce delle balestre scagliate da valorosi arcieri.

Chiudono la domenica di visite il Museo Storico Verticale e l’AgriMuseo Orizzontale di Treviglio, il castello di Trezzo sull’Adda, il castello di Pandino.