Eventi
La scommessa

Chi fermerà la musica in piazzale Alpini? Non certo l'inverno

Winter Revolution in centro dal 29 ottobre con l’Halloween Nerd Fest: un weekend di musica, cineforum e attività a tema horror

Chi fermerà la musica in piazzale Alpini? Non certo l'inverno
Eventi Bergamo, 23 Ottobre 2021 ore 00:05

Quelli di Rete Doc e Yollom ci hanno preso gusto e vanno avanti. Dopo il successo della stagione estiva, con oltre 100mila presenze e più di 12mila biglietti venduti per i 150 spettacoli organizzati, lanciano a Bergamo la Winter Revolution, il nuovo palinsesto di eventi e concerti per la stagione invernale, ripartendo dai luoghi che hanno dato nuova vita alla città: Polaresco e Piazzale degli Alpini.

Lunedì 25 è prevista la riapertura del Polaresco con una settimana a porte aperte per presentare i nuovi spazi. Gli orari saranno dalle 9 alle 20 per il servizio bar, fino alle 23 per chi utilizzerà la sala prove, i fine settimana fino all’1.
L’Halloween Nerd Fest inaugura invece la stagione del piazzale degli Alpini il 29 ottobre. In seguito al successo di pubblico al Bergamo Comics, che ha portato oltre 10mila persone a partecipare a laboratori e concerti a tema cartoon, si replica con un weekend a tema horror. Tre giorni “da paura” con laboratori, cineforum e grandi concerti con la Spleen Orchestra il 31 ottobre, Rocky Horror Live e tanti altri ospiti.

Il progetto nasce ispirandosi al modello delle grandi città del Nord Europa, dove la vita cittadina all’aperto, fatta di eventi culturali, concerti e cene, non si ferma durante la stagione invernale e, nutrendosi dell’atmosfera dei luoghi, crea insieme alle realtà del territorio nuovi impulsi, a livello culturale ma anche economico, per la città intera.

«La proposta artistica e d’intrattenimento della Summer Revolution è stata vincente – afferma Demetrio Chiappa, presidente di Doc Servizi – e ha dato nuova vita allo Spazio Polaresco e a Piazzale degli Alpini. Per questo motivo abbiamo deciso di rilanciare con un nuovo palinsesto invernale, con l’obiettivo di creare un modello esportabile in altre città italiane e ripartire con nuovi spettacoli che facciano da traino a tutta la filiera musicale. Confidiamo che il pubblico bergamasco possa godere ancora di questi spazi nel miglior modo possibile, ovvero divertendosi».