Vicino a noi

Posti fantastici e dove trovarli Il Lago di Garda, una perla

Posti fantastici e dove trovarli Il Lago di Garda, una perla
Eventi 28 Luglio 2018 ore 09:15
Guide: Lonely PlanetRough GuidesTouring Club, Visitgarda.

 

Il Lago di Garda è uno scrigno racchiuso tra le sponde bresciane, venete e trentine, uno specchio d’acqua che unisce alcune caratteristiche tipiche del Nord Italia con un microclima che potrebbe far dimenticare di aver lasciato il Mediterraneo. Non a caso Catullo scelse Sirmione per scrivere versi che sarebbero passati alla storia mentre D’Annunzio a Gardone Riviera volle far costruire il Vittoriale, undici ettari di locus amoenus per dare ristoro e pace attraverso un complesso di vie e giardini. Sulle sponde del lago, in uno dei luoghi più a Nord del mondo per questa attività, vengono coltivati gli ulivi, da oltre sessanta produttori che forniscono a italiani (e a frotte di turisti stranieri) un vero e proprio oro liquido.

 

Embed from Getty Images

 

Sirmione e Peschiera del Garda. La città più conosciuta del lago è forse Sirmione, la perla delle isole e delle penisole, resa famosa dai versi di Catullo e dalle sue sorgenti termali, dalle grandi potenzialità curative. In una penisola lunga e stretta che disegna due golfi nel lago, Sirmione è un luogo molto importante anche dal punto di vista storico-artistico, grazie alla villa romana della prima era imperiale e al castello Scaligero. Proseguendo a Est si incontra Peschiera del Garda, porta del fantastico mondo dei giochi di Gardaland e località perfetta per una vacanza in famiglia. Proseguendo sulla stessa sponda il paesaggio cambia pian piano, fino ad aprirsi sul Monte Baldo, ideale per un’escursione in giornata, con l’opzione funivia per arrivare fino a duemila metri di quota.

I parchi. Sulla sponda opposta, a Manerba del Garda, aspetta un’altra meraviglia: uno parco lacuale con un livello di tutela simile a quello delle Cinque Terre, 114 ettari di territori costiero e 84 di specchio d’acqua importantissimi sia per la vegetazione lacustre che per le specie ittiche, un microcosmo dove ammirare piante mediterranee, orchidee, uccelli acquatici e farfalle. Sempre lato parchi, altro luogo da non perdere è il Parco Natura Viva, una vera e propria chicca in ambito faunistico, un habitat dove scoprire oltre 2mila animali, tra i quali molte specie minacciate di estinzione. La visita è suddivisa in due sezioni: il safari, dove ammirare gli animali in libertà guardandoli dalla propria auto, e una zona da visitare a piedi, passando per un rettilario, una serra tropicale e una fattoria dedicata ai bambini.

 

 

Cose da fare. Tantissime sono, sul Lago di Garda, le attività da praticare all’aperto: dal windsurf alla vela, dall’escursionismo alla bicicletta. Proprio per gli amanti delle due ruote è appena stato inaugurato il primo tratto di una 140 chilometri che permetterà di circumnavigare il lago (giro ora fattibile in macchina o in battello). Visto che per completarla servirà un bel po’, nel frattempo ci si può “accontentare” di una pedalata lungo il corso del fiume Mincio, fino a Mantova. Per chi non vuole rinunciare alla cultura nemmeno d’estate, si può approfittare degli spettacoli del teatro del Vittoriale, oppure della programmazione estiva dell’Arena di Verona. Se poi non bastasse, c’è sempre il MAG, il Museo dell’Alto Garda che, a Riva del Garda, propone un viaggio tra la storia e l’archeologia di questi luoghi, oltre a ospitare una collezione di opere dal XV al XIX secolo.

Il cibo. Chi, invece, alla cultura preferisce un tour alla scoperta della buona tavola, resterà soddisfatto dall’ampia scelta di prodotti locali e piatti tipici, che abbinano specialità di terra come la polenta e il salame nostrano, con pietanze di lago come il luccio alla griglia e il coregone ai ferri. Last but not least, da non dimenticare l’ottima selezione di vini della zona, sia bianchi che rossi, coltivati su queste colline che guardano un “piccolo mare”.