Il 29 giugno

Tutti a tavola per la "Sagra della spalla di Schilpario", una specialità dal sapore antico

A dare il via l'aperitivo in piazza, poi la grande cena in strada con oltre ottocento posti, gustando anche altri piatti locali

Tutti a tavola per la "Sagra della spalla di Schilpario", una specialità dal sapore antico
Pubblicato:
Aggiornato:

Tornerà il 29 giugno prossimo, in Val di Scalve, la “Sagra della spalla di Schilpario”, che animerà l’omonimo borgo a partire dalle 17, quando a dare il via alla festa sarà l’aperitivo in piazza con il gruppo giovani “I Curnagì”. A seguire, nel centro del paese, l’intera via Padre Maj sarà addobbata con una tavola da oltre ottocento posti, dove, dalle 19 alle 21, sarà possibile gustare anche altre delizie locali.

La storia della spalla di Schilpario

Nella spalla di Schilpario c’è il gusto di una tradizione, tramandata di padre in figlio per quattro generazioni. Saperi antichi e ricette che si fondono per piatti unici, ma anche l’orgoglio di un paese, che del suo prodotto tipico ha fatto un’occasione di promozione, con una sagra apprezzata ogni anno da centinaia di visitatori. Su via Padre Maj, teatro dell’evento, si affaccia la “Macelleria Pizio Italo”, l’unica rimasta in paese, in cui si prepara da decenni questa specialità.

A condurre l’attività, oggi, sono Alberto Pizio e la moglie Lisa Chiara Clementi. Insieme, stanno scrivendo il più recente capitolo di una storia che si apre a fine Ottocento. «È iniziato tutto - racconta Alberto - con il mio bisnonno, Tomaso Pizio, che aprì la macelleria nel 1890». la sua storia è quella di un emigrante: «Era partito da Schilpario - aggiunge Giuseppe Pizio, presidente dell’Associazione turistica Schilpario (Atiesse), e nipote di Tomaso - per emigrare in Argentina, dove lavorò nella macellazione di capi bovini. Rimase in Sudamerica diversi anni, poi decise di tornare in Val di Scalve per mettere a frutto l’esperienza che aveva maturato».

Il nonno, in uno dei locali che ora ospitano la macelleria, aveva aperto una tripperia, dove tutte le domeniche la gente veniva a gustare il piatto. In quel contesto, iniziò anche la storia della spalla di Schilpario. È probabile che abbia cominciato a sperimentare la ricetta in Argentina e poi, in seguito, l’abbia importata in Italia. Negli anni, la macelleria è passata alle successive generazioni e, con essa, anche il metodo di preparazione. «Al bisnonno è subentrato mio nonno Emilio - racconta ancora Alberto -. Successivamente, l’attività è stata gestita dagli zii e poi da mio papà, Italo. Ancora oggi, la macelleria porta il suo nome».

I segreti di una specialità locale

Alberto Pizio ha iniziato a lavorare tra carni e salumi a 17 anni, imparando anche i segreti di questa pietanza: «Si prepara con la parte pregiata della spalla di suino. I pezzi sono tre, tutti insieme pesano dai quattro ai sei chili, poi vanno sezionati».

Il procedimento, a questo punto, prevede che la carne venga passata in una miscela di sale, aromi naturali e spezie, per poi essere insaccata. «I pezzi vanno quindi appesi e lasciati asciugare - continua Alberto -. Si va da un giorno a un paio di settimane. Ovvio che più la carne viene lasciata a stagionare e più acquista sapore». A far la differenza è anche la presenza o meno dell’osso: se la carne ne è priva ha meno sapore, ma è anche più facile da tagliare.

La spalla di Schilpario si può gustare cruda, dopo una stagionatura più lunga, come un normale affettato. Oppure si può cuocere, come un bollito. In questo caso si può servire calda, accompagnata da polenta, patate lesse e verdure cotte. Oppure fredda, condita con olio e cipolla. La ricetta prevede anche una versione in cui è servita con un’insalata di licheni e patate. Il classico abbinamento con la polenta è invece la formula che sta alla base della Sagra della Spalla, appuntamento che quest’anno giunge alla settima edizione.

Costi e informazioni

Il menù (costo 22 euro), oltre alla celeberrima Spalla, comprende polenta, patate, formaggio locale e dessert. Al termine della cena, dalle 21 ci sarà il karaoke in piazza con Nabila. In caso di maltempo, la manifestazione si terrà presso il Palazzetto dello sport. È obbligatoria la prenotazione al numero 034655059 o all’indirizzo mail schilpario@valdiscalve.it.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali