Viva Bèrghem
Tradizione

Sabato la rievocazione della storica transumanza tra Bergamo e il lodigiano

Il percorso di 85 chilometri terminerà il 3 ottobre a Lodi Vecchio

Sabato la rievocazione della storica transumanza tra Bergamo e il lodigiano
Viva Bèrghem Bergamo, 23 Settembre 2021 ore 11:34

Dopo la Bergamo-Gorgonzola dello scorso anno, la Transumanza dei bergamini, evento nato nell'anno del Covid – nell'ambito del Festival del pastoralismo – quest'anno si dirigerà nel Lodigiano, terminando tra il 2 e il 3 ottobre a Lodi Vecchio, l'impegnativo percorso di 85 chilometri.

La transumanza parte da Bergamo

L'edizione 2021 prevede, infatti, anche la sfilata per le vie di Bergamo con tanto di campanacci che, lo scorso anno vennero silenziati durante il passaggio da Dalmine a Bergamo in omaggio alle vittime dell'epidemia.
La Transumanza, con una mandria di una trentina di bovine da latte provenienti da Serina (Val Brembana) e con tre carri agricoli, allestiti esattamente come un tempo (uno fresco di restauro), partirà da Bergamo (Via Baioni, angolo via Sporchia - campo Utili) alle 9.30 di sabato. Sfilerà per le vie di città bassa lungo l'itinerario di un tempo (quello della cinta muraria medievale), passando per Porta Nuova e Piazza Pontida. Qui il convoglio sarà benedetto e salutato dal Ducato e da altre associazioni della tradizione bergamasca.

3 foto Sfoglia la gallery

Piatti tipici e musica

Nei pressi dell'ospedale Papa Giovanni vi sarà una prima sosta con una merenda campestre. Quindi, attraverso Treviolo, Sforzatica, Dalmine, Mariano si arriverà nel pomeriggio a Osio sopra sfilando per le vie del centro e terminando la tappa all'area feste. Alla sera si svolgerà la festa con mercatini, distribuzione di casoncelli, scarpinocc di Parre, "rafioli" di Sant'Alessandro (con ripieno di carne ovina bergamasca), salumi e formaggi bergamaschi di monte della tradizione bergamina, polenta di mais antichi bergamaschi. Alle 20.30 chiuderà la giornata il concerto di Luciano Ravasio.

Da Badalasco al Cremasco

Domenica 26 la tappa condurrà a Badalasco, frazione di Fara Gera d'Adda. Lungo il percorso ci sarà una breve sosta a Brembate e una tappa meridiana a Fara con ristorazione (area feste sull'Adda). La sera, alle 20, all'oratorio di Badalasco, oltre alla ristorazione, vi sarà una rappresentazione del "teatro dei bergamini", con scene di vita bergamina di un tempo.

Lunedì 27 la Transumanza uscirà dalla provincia di Bergamo per fare tappa a Cascine San Pietro (Cassano d'Adda) e, nei giorni successivi a Rivolta d'Adda (28/09), Gradella, Pandino (29/09), Palazzo Pignano, Monte Cremasco (30/09), Dovera (1 ottobre), Lodi Facoltà di veterinaria, Lodi vecchio (2/10).

Gran finale a Lodi Vecchio

Il gran finale si terrà domenica a Lodi Vecchio con la messa di ringraziamento celebrata da monsignor Malvestiti, vescovo di Lodi nato a
Marne (BG), concerti (Gianluca Gennari, cantautore lodigiano, il duo Stefano Valla e Daniele Scurati) e vari intrattenimenti.
Diversi musici itineranti (suonatori di baghét e altri strumenti) accompagneranno sempre la transumanza. Sono previste, sia con le scuole che con i ragazzi presenti nel pubblico, attività ludico- didattiche. Una mostra didattica itinerante illustrerà ai presenti la realtà storica della transumanza.

Visite guidate anche in carrozza

In ogni località verranno effettuate visite guidate al centro e ai dintorni (da Rivolta in poi anche in carrozza). Tutte le attività saranno libere e gratuite. Sarà richiesto un contributo solo per la ristorazione. In vendita la stampa della Transumanza, una formella ricordo, il cappello dei bergamini, i bastoni da pastore, libri. Medaglione di legno ricordo in omaggio. Programmi aggiornati sul sito festivalpastoralismo.org