Atalanta
Conti in tasca

28 milioni dagli sponsor, 8 agli agenti e 79 di stipendi: i numeri più curiosi del bilancio 2021

Alcuni dati nerazzurri confermano come la società orobica, al netto dei debiti su cui incide anche lo stadio, abbia diversi indicatori interessanti

28 milioni dagli sponsor, 8 agli agenti e 79 di stipendi: i numeri più curiosi del bilancio 2021
Atalanta 12 Aprile 2022 ore 09:07

di Fabio Gennari

Nelle 70 pagine che accompagnano il bilancio 2021 della Dea ci sono una serie di dati molto interessanti che riguardano la gestione della società. Che in termini assoluti ci sia, per il sesto anno di fila, un utile importante (+35 milioni) e che il patrimonio netto sia aumentato di 36 milioni (da 129 a 165 milioni) è evidente, ma nelle pieghe della gestione si trovano curiosità e conferme. Vicino ai risultati di campo ci sono anche una serie di certezze economiche decisamente solide.

I diritti televisivi, nel 2021, hanno portato in dote alla Dea ben 116 milioni di euro. Il dato è in flessione rispetto al 2020 (-1,4 milioni) ma spiega molto bene quanto la Champions League sia determinante: 72 milioni sono arrivati dalla Lega di Serie A (mezzo campionato 2020/21 e i primi mesi del 2021/22) e 44 milioni dalla partecipazione alla coppa più importante d'Europa. Tra l'altro, di questi 44 ben 27 arrivano dalla fase a gironi 2021/22.

Il monte stipendi, considerando giocatori e tecnici, è passato da poco più di 64 milioni a quasi 79, oltre a una quota per gli agenti e gli intermediari che hanno collaborato alle varie operazioni di mercato che vale circa 8,3 milioni di euro. A una contrazione delle plusvalenze (da 69,5 milioni del 2020 si è passati ai 53,6 milioni del 2021) ha risposto un aumento consistente degli introiti da sponsorizzazioni: da 18,2 milioni si è arrivati a 28,2 milioni, ovvero il 64,5 per cento in più.

In ultima analisi, ricordando che l'Atalanta spalma sempre su più bilanci sia acquisti che cessioni, alcuni numeri relativi ai giocatori ingaggiati o ceduti. Diallo a gennaio 2021 è andato al Manchester per 21,3 milioni (con i bonus che sono da calcolare più avanti), Gomez al Siviglia per 5 milioni, Lammers in prestito all'Eintracht per 3,5 milioni e Colley per 600mila euro. Di contro, sono arrivati Musso (20,5 milioni), Lovato (7 milioni) e Zappacosta (6 milioni), mentre Demiral è arrivato a Bergamo a titolo gratuito con diritto di riscatto fissato a 20 milioni.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter