Atalanta
Le pagelle

Che bravi Lookman e Boga! Ottima prova di tutti, sotto il 6 solo il subentrato Pasalic

Contro la Juve, bella prestazione degli attaccanti. Subito dietro, tutti gli altri. Delude un po' solo il croato, entrato con poca verve

Che bravi Lookman e Boga! Ottima prova di tutti, sotto il 6 solo il subentrato Pasalic
Atalanta 22 Gennaio 2023 ore 23:41

di Fabio Gennari

Tante, tantissime buone notizie. Qualche sbavatura c'è stata, ma in casa della Juventus ci può stare, anche perché gli avversari sono di alto livello. Unico 5,5? Quello per Pasalic, che non entra con il piglio giusto e perde palloni importanti.

Musso 6: al 14’ Di Maria calcia da buona posizione ma è una telefonata; bravo in uscita su angolo di Rabiot al 17’, poi viene spiazzato dal rigore di Di Maria al 25’. Non può nulla sul 2-1 di Milik (prodezza volante) e dopo alcune buone uscite prende il gol 3-3 con la barriera che si apre davanti a lui in modo sparso.

Toloi 6: sorpreso da Milik in occasione del 2-1 al 35’, prima e dopo gioca un buon primo tempo, ma a questi livelli e contro questi avversari non puoi concederti distrazioni. Cresce alla distanza, al 73’ impegna Szczesny con un gran destro. La gara nel complesso è positiva, mezzo voto in meno per l'errore su Milik.

Palomino s.v.: un po’ in difficoltà con Milik nella fase iniziale (l’incrocio al 7’ è dubbissimo) e dopo nemmeno un quarto d’ora di partita chiede il cambio per un problema muscolare. (15’ Demiral 6,5: a parte un tacco senza senso che per poco non crea dei danni nel finale, gioca una partita di grande sostanza e sbroglia alcune situazioni complicate).

Scalvini 7: primo tempo di buon livello, dalle sue parti arrivano parecchi pericoli visto che Di Maria si allarga a destra, ma lui tiene botta. Recupera la palla da cui nasce il 2-2, forse ha qualche responsabilità sul 3-3 perché è in barriera e salta, ma la sua prova è molto, molto interessante.

Hateboer 6,5: nel primo tempo ha poche occasioni di mettersi in mostra, ma è bravissimo in fase di copertura. Anche quando entra Chiesa non soffre quasi mai, attento alla posizione e nei movimenti. Prestazione intelligente e di grande cuore.

Ederson 6: buona partenza sia in fase offensiva che di copertura, poi al 22’ è protagonista del contatto su Fagioli non visto da Marinelli e corretto dal Var (rigore giusto). Non è Koopmeiners e si vede, non è nemmeno de Roon e anche in questo caso si vede. Sufficienza conquistata per il cuore e lo spirito di abnegazione che ci mette. (84’ Djimsiti s.v.).

De Roon 7,5: senza Koopmeiners gli tocca un po’ di più la costruzione. Gioca un buon primo tempo e nella ripresa cresce ulteriormente. Come Scalvini, salta sul gol di Danilo, ma poi salva tutto su Miretti nel finale ed è una giocata in copertura che vale quanto un gol. Bravissimo!

Maehle 7: più timido di altre volte, viene sorpreso dalla giocata di Di Maria che innesca Fagioli per il momentaneo 2-1. Poi apre la ripresa con il gol del 2-2, spinge in continuazione in avanti e la sua prova è estremamente positiva. (84’ Ruggeri s.v.).

Lookman 8: segna subito su assist di Boga (e con la complicità di Szczesny) il gol dello 0-1, serve a Maehle il pallone del 2-2 con grande precisione e poco dopo segna il 2-3 con un bellissimo colpo di testa su assist al bacio di Boga. Si accende a fiammate, ma quando accade è sempre un pericolo. Sono 11 gol in campionato e 13 in venti partite. Acquisto clamorosamente azzeccato.

Hojlund 6: primo tempo di grandi battaglie ma con poche luci contro Bremer, cerca di scappare spesso in profondità e va anche al tiro. Gara positiva per approccio e applicazione, ma meno scintillante di altre volte. (84’ Muriel s.v.).

Boga 7,5: molto mobile fin dall’avvio, rientra nel campo da sinistra e crea sempre situazioni interessanti, come ad esempio l’assist per Lookman che sblocca il risultato. Lì davanti, nel primo tempo, è il migliore. Grande giocata sul cross per Lookman che vale il 2-3. (66’ Pasalic 5,5: non entra bene, perde un paio di brutti palloni e non riesce nemmeno a gestire le ripartenze. Poteva fare meglio).

Gasperini 7: propone una squadra quadrata, forte e capace di andare sempre a fare gol. Unica sbavatura? Con questo Demiral, forse era meglio partire con lui e non Palomino. Per il resto, squadra davvero da applausi.

Seguici sui nostri canali