Atalanta
Cooperativa del gol

Cissè è il 18esimo marcatore diverso dell'Atalanta in A: nessuno ha fatto meglio

La bella favola del giovanotto guineano ha permesso alla Dea di raggiungere il record parziale di marcature diverse

Cissè è il 18esimo marcatore diverso dell'Atalanta in A: nessuno ha fatto meglio
Atalanta 21 Marzo 2022 ore 09:15

di Fabio Gennari

La favola del ragazzo spuntato dal nulla è certamente emozionante, soprattutto in questo periodo. Moustapha Cissè, attaccante guineano di 18 anni, è sbarcato a sorpresa nel Mondo Atalanta e dopo 3 gol in quattro partite con la Primavera si è preso la scena anche in Serie A: 33' minuti complessivi giocati (recupero compreso) e un gol di pregevole fattura che ha regalato 3 punti alla squadra di Gasperini.

Le doti sono tutte da scoprire, in questo momento Gasperini aveva estrema necessità di forze fresche e quando lo ha mandato in campo al posto di Muriel in pochi avrebbero scommesso su questo lieto fine. Un errore, perché la storia di Cissè è coinvolgente ma il suo gol è la conferma di come l'Atalanta sia sempre di più una cooperativa della rete: i bergamaschi, dopo 29 giornate, hanno già mandato in gol 18 calciatori diversi.

Si tratta del miglior risultato del campionato: delle 51 reti segnate, sono 48 quelle che hanno la firma di un giocatore di Gasperini e il fatto che ben 18 siano diversi conferma come questa sia una stagione record per i bergamaschi. Mai con Gasperini si era arrivati a tanto, la rete di Palomino contro il Cagliari aveva già stabilito il record di 17 marcatori diversi in Serie A (mai successo prima nella storia) e quella di Cissè aggiorna un record che ancora potrebbe migliorare.

All'appello manca, ad esempio, un giocatore di livello come Boga (arrivato a gennaio e finora in rete in Coppa Italia contro la Fiorentina e in Europa League sul campo di Leverkusen) ma la lista dei papabili è completata da Djimsiti, Pezzella e Hateboer, oltre a Mihaila, che a Bologna non ha convinto ma gioca comunque in attacco. Tra l'altro, a Bologna anche il giovane Scalvini (altro classe 2003) è andato vicino alla rete fermandosi sul palo, a pochi centimetri dalla gloria.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter