Atalanta
Il ritorno

Gasperini a Boston al fianco di Pagliuca. Viaggio finito, da oggi in campo a Zingonia

Alcune immagini della gara di Nba hanno confermato la presenza a bordocampo del mister degli orobici con il proprietario americano

Gasperini a Boston al fianco di Pagliuca. Viaggio finito, da oggi in campo a Zingonia
Atalanta 28 Novembre 2022 ore 09:44

di Fabio Gennari

Lo scatto che vedete in apertura è relativo alla gara di Nba tra Boston Celtics e Sacramento Kings che si è giocata sabato (26 novembre) in casa dei neroverdi. Per la prima volta, il tecnico dell'Atalanta Gasperini è stato immortalato a bordocampo vicino al nuovo proprietario americano della Dea, Pagliuca. In estate era toccato a Luca Percassi, amministratore delegato della Dea, mentre questa volta è stata l'occasione per far vivere una grande esperienza al mister dei nerazzurri a margine degli incontri che ci sono stati e in cui si è parlato del presente e del futuro.

Il rientro a Bergamo e la ripartenza del lavoro a Zingonia segneranno la lunga rincorsa verso la ripresa del campionato prevista il 4 gennaio a La Spezia, ma il popolo atalantino aspetta anche di sapere come sono andate le cose nelle giornate (e serate) americane. Da questo punto di vista, bisognerà attendere il rientro alla base di tutti i protagonisti per capirne qualcosa in più.

Per il momento, circolano pochissime informazioni e pare che tutto sia andato per il meglio, con il mercato di gennaio che sarà la cartina di tornasole per capire se partenze e un paio di innesti andranno nel senso del rinnovamento con riduzione della rosa che Gasperini ha già fatto capire di apprezzare.

La verità è che le parole pre e post Inter del tecnico di Grugliasco hanno alzato un polverone quando, per i vertici della Dea, la strada del lavoro e del cambiamento della rosa già tracciata in estate era molto chiara. Da oggi, al Centro Bortolotti, si riparte con l'obiettivo di continuare a cercare di mandare in campo la miglior Atalanta possibile per vincere le partite, con la voglia di arrivare in alto e l'Europa da riconquistare come orizzonte che tutti guardano ma che nessuno si sognerebbe mai di dichiarare o sventolare ai quattro venti: d'altro canto, quando sono arrivati tre terzi posti di fila, il sogno Champions si è materializzato in campo senza dichiararlo in inverno ma pensando solo a giocare (e vincere) le partite.

Seguici sui nostri canali