Ritocchi di classe

Il Gewiss Stadium sempre più green: a bordo campo il manto riciclabile fatto a Gandino

Attorno al terreno di gioco sistemato il sintetico Eco Next, sostenibile e trasformabile a fine vita in nuovi oggetti plastici. All'uscita del tunnel di accesso al campo il logo della Dea intarsiato fra i fili d'erba

Il Gewiss Stadium sempre più green: a bordo campo il manto riciclabile fatto a Gandino
Bergamo, 29 Settembre 2020 ore 18:59

di Giambattista Gherardi

Febbrili lavori di rifinitura al Gewiss Stadium di Bergamo, in vista della “prima” di domenica 4 ottobre alle 12.30, quando a sfidare l’Atalanta arriverà il Cagliari di Eusebio Di Francesco. Come noto, alle opere che hanno interessato la nuova Tribuna Rinascimento lungo viale Giulio Cesare, si sono aggiunti il profondo maquillage della Curva Sud Morosini (decisivo per ottenere il placet Uefa per la disputa degli incontri di Champions League), l’aggiunta della scritta «Gewiss Stadium» all’esterno della Curva Nord Pisani e, proprio in queste ore, il manto sintetico di ultima generazione nelle aree di bordo campo.

Un intervento non certo elementare, realizzato dalla Safitex Turf di Gandino guidata da Corrado Salvatoni. Si tratta di un’erba sintetica ecologica Eco Next unica sul mercato, al cento per cento made in Italy. «Grazie alle capacità progettuali e produttive dell’azienda – spiega Salvatoni, tifosissimo dell’Atalanta -, questo prodotto è frutto di tecnologie d’avanguardia. A oggi l’erba sintetica rappresenta un’alternativa valida e sempre più richiesta per i campi di gioco, grazie ai numerosi vantaggi che essa comporta, anche nell’ambito della sostenibilità ambientale. Eco Next è realizzato con un processo produttivo brevettato, quasi completamente in polietilene. Per questo al termine del proprio ciclo vitale può essere riciclato: a fine vita verrà triturato e densificato per creare un nuovo polimero, utile per creare oggetti plastici, magari anche i parastinchi dei calciatori».

Nel corso delle operazioni di posa, la Safitex ha proposto anche il proprio servizio di personalizzazione, immediatamente apprezzato da Atalanta. Ecco allora che gli addetti hanno intarsiato all’uscita del tunnel di accesso al campo un gigantesco logo della Dea quale ulteriore incoraggiamento alla squadra. Fa il paio con le scritte motivazionali installate nella palestra degli spogliatoi. Una ciliegina sulla torta che non può che essere benaugurante: se è vero come è vero che al Gewiss Stadium arriveranno, per la prima volta nella storia, le partite della Champions, giusto sottolineare che Corrado Salvatoni si porta in dote ben due coppe del mondo, conquistate nello sci alpino, categoria Master di slalom gigante. Fra campioni non poteva che esserci intesa.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia