Atalanta
Che succede ora

Il paradosso? L'Atalanta dovrà comunque presentarsi allo stadio. A Bergamo e a Udine

Il gruppo di Gasperini andrà comunque al Gewiss e alla Dacia Arena, così come farà la terna arbitrale: la "non partita" durerà 45' minuti

Il paradosso? L'Atalanta dovrà comunque presentarsi allo stadio. A Bergamo e a Udine
Atalanta 06 Gennaio 2022 ore 09:20

di Fabio Gennari

Dal punto di vista strettamente formale, salvo nuove e diverse indicazioni, l'Atalanta dovrà presentarsi regolarmente allo stadio (con le tribune che saranno vuote, l'accesso al pubblico è stato vietato, come comunicato della società) e dovrà attendere il triplice fischio del direttore di gara Giacomelli, che dopo 45' minuti chiuderà la partita registrando l'assenza del Torino. In base ai regolamenti vigenti, questa condizione porterà poi il Giudice Sportivo all'assegnazione del 3-0 a tavolino per i nerazzurri e alla punizione della squadra avversaria con 1 punto di penalizzazione.

Lo scenario è lo stesso che si era verificato l'anno scorso con Juventus-Napoli, il punto però è un altro: la stessa sfida non giocata allo Stadium nell'ottobre 2020 venne riproposta ad aprile 2021 proprio per decisione del Collegio di Garanzia del Coni (ultimo grado di giudizio della giustizia sportiva), che accolse il ricorso del Napoli precedentemente respinto dalla Corte d'Appello Figc. Insomma, una bella battaglia di carte bollate e davanti a giudici diversi da campo, pallone e avversario di giornata.

La squadra di Gasperini ieri si è allenata al Centro Bortolotti e oggi si presenterà dunque regolarmente al Gewiss Stadium. Probabile che sia stata organizzata una seduta di allenamento in sostituzione della partita che non si giocherà, per dare almeno continuità al lavoro fisico. E pure domenica a Udine, a meno di novità che sarebbero a questo punto clamorose, si vivrà lo stesso iter: la squadra friulana che non si presenta, Atalanta attenderà 45' minuti e l'assegnazione della vittoria a tavolino.

Dal punto di vista formale, detto che questa situazione è veramente incredibile e che ogni amante dello sport spera sempre che le partite vengano disputate, sarà importante capire come tutto questo si incastrerà con il nuovo protocollo che la Lega di Serie A ha deciso di introdurre ieri. Se bastano 13 giocatori compreso un portiere per giocare e si può pescare tra i Primavera, anche in caso di blocco del gruppo squadra da parte di una Asl, ovvero dei giocatori che hanno condiviso lo spogliatoio, non mandare nemmeno i ragazzi alla partita potrebbe cambiare qualcosa sul fronte disciplinare, visto che la gara non viene rinviata? Lo scopriremo solo nelle prossime settimane. Che caos.