Il messaggio degli ultrà

La Curva Nord chiede serietà e compattezza: «Ciò che conta è solo il bene dell’Atalanta»

Con un comunicato sulla pagina Facebook "Sostieni la Curva", la frangia più calda della tifoseria nerazzurra dice la sua sul litigio tra Gomez e Gasperini, chiedendo al Presidente di ricompattare il gruppo in vista dell'appuntamento contro l'Ajax

La Curva Nord chiede serietà e compattezza: «Ciò che conta è solo il bene dell’Atalanta»
Atalanta 08 Dicembre 2020 ore 18:52

Sono giorni caldi per il mondo Atalanta. Dentro e fuori dal campo. Nel primo caso, perché sul rettangolo verde dell’Amsterdam Arena, domani (9 dicembre), la Dea si gioca il passaggio agli ottavi di Champions per il secondo anno consecutivo, un obiettivo inimmaginabile solo un paio di stagioni fa; nel secondo caso, perché ancora tiene banco il litigio tra il capitano Gomez e mister Gasp, avvenuto nell’intervallo del match contro il Midtjylland.

La scorsa settimana, a Zingonia è intervenuto anche Percassi a ricucire lo strappo. Il rinvio della partita di domenica contro l’Udinese causa maltempo ha concesso qualche giorno in più di lavoro e riflessione ai protagonisti, evitando ulteriori situazioni poco piacevoli (il Papu, così come Ilicic, non era stato convocato per il match in Friuli). Stamattina, a Zingonia dei tifosi hanno appeso degli striscioni eloquenti, nei quali si chiede a tutti i protagonisti di pensare non agli attriti del presente ma alle tante cose belle vissute in questi anni. E ora sul punto sono intervenuti anche i ragazzi della Curva Nord.

Con un comunicato pubblicato sulla pagina Facebook “Sostieni la Curva”, gli ultrà chiedono alla squadra e alla società, in sostanza, di mettere da parte le tensioni e remare uniti verso i prossimi obiettivi, prendendo anche in prestito uno dei motti preferiti dal presidente Percassi: «Fate i bravi!». Di seguito, ecco il testo del comunicato della Nord:

L’Atalanta sta attraversando il miglior momento della sua storia, facendo sognare generazioni intere.

Inutile negare che è un sogno che tutti aspettavamo da sempre, raggiunto grazie all’unità di intenti basata sulla compattezza tra squadra-mister-società-tifoseria… la città intera.

Abbiamo sempre chiesto serietà, rispetto e umiltà, perché la maglia che viene indossata ha un valore enorme, che solo la storia insegna.

Alti e bassi, vittorie e sconfitte, ma ciò che conta è solo il bene dell’Atalanta. I giocatori vanno e vengono, gli allenatori e i presidenti idem, l’Atalanta resta sempre.

Ad oggi forse qualche equilibrio si è rotto all’interno… a noi non interessa il “chi” e il “come”, ma solo che la nostra maglia venga onorata… la maglia sudata sempre!!!

Purtroppo, ad oggi, non possiamo fare il nostro sugli spalti, ma ad alta voce diciamo a chiunque mira a destabilizzare un equilibrio acquisito con sacrificio, che qui non c’è posto per gente così, grazie e arrivederci!!!

Sia chiaro, noi facciamo i tifosi, i giocatori facciano i giocatori e la società faccia il suo, ognuno al suo posto con le relative responsabilità.

È fondamentale, in questo caso, che il Presidente prenda di petto la situazione, senza delegare a terzi, e ricomponga l’equilibrio dello spogliatoio!

Domani, contro l’Ajax, un altro appuntamento per scrivere la storia, vada come vada, ma che venga affrontato con serietà, grinta e compattezza, senza che niente e nessuno possa minare la serenità per affrontare questa battaglia.

Fate i bravi!!!

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità